Casa

Search on blog

Il Sigillo di Salomone: un antico simbolo di saggezza e mistero

- Categories : Tutto sui simboli

Scoprite l'enigmatico Sigillo di Salomone, un simbolo ricco di storia e mistero. Legato alla costruzione del mitico tempio e al re Salomone nella religione ebraica, il Sigillo è molto più di una semplice rappresentazione artistica. I suoi cerchi concentrici, associati all'anello di Salomone, sono intrisi di simbolismo esoterico, spesso esplorato nei libri medievali di demonologia. Utilizzato nella Massoneria, il Sigillo di Salomone è anche legato a elementi esoterici come la Pietra Filosofale, l'Arca dell'Alleanza e l'incontro di principi opposti.

La sua influenza si estende persino al Corano, sottolineando il suo posto in diverse tradizioni religiose. Dean Winchester, il protagonista della serie "Supernatural", si è avventurato nel mondo del Sigillo di Salomone, portando una dimensione moderna al suo misticismo" Superstition" è un'altra serie in cui il sigillo viene usato come arma di protezione dalla famiglia Hastings contro le entità malvagie.

In storie medievali come "The Fisherman's Tale", il Sigillo di Salomone viene citato in relazione a temi di potere e protezione contro le forze oscure. Anche i "Segreti della Croce" e i "Libri di Demonologia" esplorano i suoi misteri, mentre il "Testamento di Salomone" rivela antichi rituali e segni mistici associati al sigillo.

Al di là del suo uso nelle tradizioni esoteriche, il Sigillo di Salomone ha legami con luoghi geografici specifici, come il Ducato di Brabante e la Spagna meridionale, dove storie e leggende gli conferiscono un'aura di mistero e potere. È anche associato a oggetti leggendari come lo Smeraldo di Ermete Trismegisto e a manufatti come la bottiglia di rame e il tappo di piombo.

Anche lo scrittore Rudyard Kipling e il personaggio immaginario Richard Castle hanno esplorato i misteri del Sigillo di Salomone nelle loro opere, aggiungendo spessore culturale alla sua trama. In breve, il Sigillo di Salomone trascende i confini del tempo e dello spazio, affascinando l'immaginazione con i suoi significati esoterici e i suoi legami con la storia, la religione e la cultura attraverso i secoli.

Stella di Davide o Sigillo di Salomone?

La Stella di Davide e il Sigillo di Salomone sono due simboli distinti, ma a volte vengono utilizzati in modo intercambiabile a causa delle loro somiglianze visive. La Stella di Davide è generalmente rappresentata da un esagramma, una stella a sei punte formata dalla sovrapposizione di due triangoli equilateri. Questo simbolo è fortemente associato all'ebraismo ed è presente sulla bandiera di Israele.

Il Sigillo di Salomone, invece, ha un significato più esoterico. Anch'esso è rappresentato da un esagramma, ma spesso è circondato da cerchi concentrici, creando una stella più elaborata. Il Sigillo di Salomone è storicamente associato al re Salomone nella tradizione ebraica ed è legato a elementi esoterici e mistici. È stato utilizzato in varie tradizioni, tra cui la Massoneria e altre pratiche esoteriche.

In sintesi, sebbene la Stella di Davide e il Sigillo di Salomone condividano la stessa forma di esagramma, la Stella di Davide è un simbolo ebraico più ampiamente accettato, mentre il Sigillo di Salomone ha connotazioni esoteriche e mistiche più specifiche.

Una parola di storia sulla Stella di Salomone

La pagina di Wikipedia su questo argomento è particolarmente interessante. Eccone un estratto.

La stella a sei punte è un simbolo universalmente utilizzato da tempo immemorabile per una varietà di scopi, e inizialmente non aveva un nome specifico. È stata scelta sia come emblema che come figura decorativa nei conflitti e nelle arti, probabilmente per l'armonia geometrica che suggerisce. Dall'Asia con il Kagome giapponese, il suo uso si è diffuso nella penisola indù, poi nella penisola araba e in Occidente.

L'esagramma è apparso nelle civiltà arabe pre-islamiche, poi nell'ebraismo fin dall'antichità. Si trova sugli architravi delle sinagoghe della Galilea (II-IV secolo), tra cui quella di Cafarnao, o su una lapide ebraica a Taranto, nella Puglia italiana (intorno al III secolo). Nelle sinagoghe dell'epoca, il simbolo veniva apposto sulla mezuzah per conferirle potere protettivo.

A Cafarnao, Israele

L'esagramma è stato usato dai cabalisti per creare segulot(amuleti e talismani), ma non lo chiamavano espressamente "scudo di Davide ". Viene anche usato per riempire gli spazi o per segnare le divisioni dei capitoli nei manoscritti ebraici e arabi.

In Europa, nel primo periodo medievale, questa figura geometrica è apparsa anche nelle chiese cristiane come decorazione architettonica, cioè prima del suo primo uso conosciuto in una sinagoga da parte degli ebrei.

L'uso della stella a sei punte come simbolo ebraico si diffuse intorno all'XI secolo, in particolare sul frontespizio dei manoscritti della Bibbia ebraica, come il Codice di Leningrado del 1008 (vedi sotto).

La stella a sei punte divenne il simbolo distintivo della comunità ebraica di Praga, probabilmente nel 14° o 17° secolo.

A partire dal 18° secolo, il quartiere ebraico di Vienna fu formalmente distinto dal resto della città da un contrassegno con un esagramma su un lato e una croce sull'altro.

La stella è stata associata all'ebraismo a livello internazionale quando è stata adottata come simbolo del movimento sionista alla fine del XIX secolo.

A partire dal XX secolo, questa stella è apparsa anche sulle bandiere di Paesi apparentemente non legati direttamente all'ebraismo.

Qual è il significato spirituale del magico Sigillo di Salomone?

Il potere del Sigillo di Salomone: un simbolo di protezione

Il Sigillo di Salomone è un simbolo della geometria sacra rappresentato da una stella a sei punte formata da due triangoli sovrapposti (a volte intrecciati), uno rivolto verso l'alto, l'altro verso il basso. Il Sigillo di Salomone è noto anche come esagramma o Stella di Davide.

Il simbolismo del Sigillo di Salomone è ricco e lo rende un segno particolarmente importante in termini esoterici, almeno quanto il pentagramma. In effetti, i due simboli sono strettamente legati.

La stella a 6 punte è un simbolo molto antico, talvolta chiamato Sigillo di Salomone. Si dice che Re Salomone portasse un esagramma come scudo energetico, un anello magico, da cui il nome dato a questo potente strumento di protezione fin da allora. È stato anche chiamato Stella o Scudo di Davide quando è rappresentato in un cerchio circostante (Magen David).

L'espressione "Scudo di Davide" viene utilizzata a partire dall'XI secolo in un siddur (libro di preghiera tradizionale) come emblema del Dio di Israele, indipendentemente dall'uso poetico del simbolo.

Evoca la protezione divina del re Davide e della sua casa dinastica. Compare alla fine della benedizione Samkhaynu recitata dopo la lettura, il sabato e nei giorni festivi, della sezione Haftara del libro dei Neviim / Profeti.

Tuttavia, questa stella non era originariamente ebraica. Il movimento sionista che nel XIX secolo scelse questo simbolo per la bandiera di Israele lo prese in prestito dal patrimonio simbolico dell'umanità. Il cerchio che la circonda è molto importante e rafforza l'aspetto protettivo del simbolo, sigillandolo con un'aura di controllo.

Fin dall'antichità, l'esagramma si trova in tutto l'Oriente, in Fenicia, in Armenia, dove è la Ruota dell'Eternità, e in India, dove è tradizionalmente il simbolo di Shiva/Shakti, dell'armonia e del chakra del cuore.

Fino al XV secolo, la Stella di Davide o Sigillo di Salomone era un simbolo magico protettivo, rappresentato su amuleti ebraici e non. È diventata la rappresentazione dell'ebraismo, come la croce latina lo è per il cristianesimo, solo dopo l'espulsione degli ebrei dalla Spagna nel XV secolo e grazie allo sviluppo della stampa.

L'esagramma: un simbolo di equilibrio

Gli indù indicano i 7 chakra come i centri principali del corpo eterico. I loro punti di attacco sono chiamati "i loti" (Padma). Si trovano sull'asse centrale del corpo e sono circondati da migliaia di altri piccoli centri secondari. L'energia pranica che li attraversa utilizza i 72.000 canali eterici (le nadi) per rifornire il corpo di energia.

Una buona circolazione in ognuno dei 7 centri permette di attivare il canale centrale. Ogni chakra ha una funzione particolare e il chakra del cuore è il centro di questa sequenza.

I tre chakra inferiori sono legati alla gestione materiale:

- Il 1°, il chakra della base, è legato alla stabilità e alla sicurezza;
- Il 2°, il chakra sacrale, è legato alla sessualità e al controllo dell'energia;
- Il 3°, il chakra solare, è legato al desiderio di realizzazione e formalizzazione.

I tre chakra superiori sono legati alla gestione spirituale:

- Il 5°, il chakra laringeo, è legato alla comunicazione e alla chiarezza dell'udito;
- Il 6°, il chakra frontale, è legato alla sintesi mentale e alla lucidità;
- Il 7°, il chakra coronale, è legato all'anima causale e al contatto spirituale.

Il 4°, il chakra del cuore, si trova quindi al centro della sequenza dei 7 chakra. In questo punto di equilibrio, il passaggio dell'energia è più dolce e morbido.

Il centro del cuore si irradia intorno al corpo fisico, con un diametro di diversi metri. Incarna questo equilibrio nel corpo energetico, come l'esagramma, anch'esso simbolo di equilibrio, con i due triangoli della materia e dello spirito che si compenetrano.

La rappresentazione di questi due triangoli, uno rivolto verso l'alto e l'altro verso il basso, simboleggia una doppia polarità, come il fuoco che sale e l'acqua che scende, o le forze dall'alto (cosmiche) e le forze dal basso (telluriche) in un equilibrio sempre rinnovato. Un po' come il simbolo dello Yin e dello Yang.

Il Sigillo di Salomone, ricco di misticismo ed esoterismo, è spesso associato alla costruzione del tempio, sia simbolicamente che spiritualmente, dove ogni linea e cerchio evoca saggezza ed equilibrio. Nelle tradizioni esoteriche, l'uso rituale del Sigillo di Salomone testimonia la costruzione del tempio interiore, simboleggiando la ricerca della conoscenza e dell'armonia spirituale.

Esagramma e pentagramma: macrocosmo e microcosmo

Nella Cabala, l'esagramma rappresenta l'unità del macrocosmo, in opposizione al pentagramma, che è il segno del microcosmo.

Questi due simboli si trovano anche in molte opere di magia.

Nella Cabala, l'esagramma rappresenta l'unità del macrocosmo in contrapposizione al pentagramma, che è il segno del microcosmo.

In alchimia, il Sigillo di Salomone simboleggia il drago verde e il drago rosso, che si oppongono e si riconciliano.

È anche legato al numero 7: i sei punti e il punto al centro.

Comprende i 7 metalli di base e i 7 pianeti principali del nostro cielo.

- Al centro, risiedono l'oro e il sole. Il punto superiore è l'argento e la luna. Il punto inferiore è il piombo e Saturno.
- I punti a destra: in alto il rame e Venere, in basso il mercurio e Mercurio.
- I punti a sinistra: in alto il ferro e Marte, in basso lo stagno e Giove.

Si tratta di un antico simbolismo alchemico che ha avuto origine molto prima della scoperta di Plutone e Urano.

L'esagramma è una rappresentazione bidimensionale di una stella tetraedrica, detta anche Merkaba, composta da due tetraedri che si incastrano. Ha un punto centrale verticale nella parte superiore della figura (simboleggiato dal punto centrale) e si sovrappone allo stesso punto verso la parte inferiore.

Per approfondire, ecco l'esagramma decostruito da Eliphas Levi e Omraam Mikhaël Aïvanhov.

Questo simbolo è complementare al pentagramma. Tradizionalmente, il pentagramma rappresenta simbolicamente il microcosmo, l'uomo (e le sue cinque estremità: quattro arti più la testa), mentre l'esagramma o Sigillo di Salomone rappresenta simbolicamente il macrocosmo, il mondo. I due triangoli dovrebbero indicare la Materia che sale verso lo Spirito e lo Spirito che scende verso la Materia, cioè le due sostanze dell'Universo (Spirito e Materia) che si completano a vicenda grazie a due forze (una che fa scendere, l'altra che fa salire).

Eliphas Levi identifica l'esagramma ("triangolo di Salomone") con il mondo ("macrocosmo"):

Il grande Simbolo di Salomone. Quod superius sicut quod inferius [parole della Tavola di Smeraldo degli Ermetisti: ciò che è sopra è come ciò che è sotto]..

L'unità del macrocosmo è rivelata dai due punti opposti dei due triangoli... L'universo è quindi bilanciato da due forze che lo mantengono in equilibrio: la forza che attrae e la forza che respinge... Il triangolo di Salomone. Plenitudo vocis [plénitude de la voix, en latin]. Binah [lettre hébraïque]. Physis ["nature", mot grec]... Questi due triangoli combinati in un'unica figura, quella di una stella a sei raggi, formano il segno sacro del sigillo di Salomone, la stella splendente del macrocosmo. L'idea dell'infinito e dell'assoluto è espressa da questo segno, che è il grande pentacolo, cioè il riassunto più semplice e completo della scienza di tutte le cose"

Fonte: Éliphas Lévi, Dogme et rituel de la haute magie (1854-1861), in Secrets de la magie, Paris, Robert Laffont, coll. "Bouquins", 2000, p. 8, 62-66.

I due triangoli possono essere logicamente visti come rappresentazioni del Maschile e del Femminile, in senso più o meno ampio: principio attivo e passivo, polo più e polo meno, Uomo e Donna, sesso maschile e sesso femminile. Il triangolo "maschile" punta verso l'alto, quello "femminile" verso il basso.

Mostra l'incontro dei due elementi, Fuoco e Acqua. Il carattere del Fuoco è un triangolo rivolto verso l'alto, attraversato da una linea orizzontale; il carattere dell'Acqua è un triangolo rivolto verso il basso, anch'esso attraversato da una linea orizzontale. Il triangolo del Fuoco punta verso l'alto perché la fiamma sale; il triangolo dell'Acqua punta verso il basso perché l'acqua scorre, cade e scende. Scomponendo l'esagramma, possiamo vedere chiaramente questi due triangoli.

Omraam Mikhaël Aïvanhov identifica anche l'esagramma e il macrocosmo e sviluppa le corrispondenze. I sei punti rappresentano in successione, andando dall'alto verso destra, i sei colori: blu (in alto), verde, giallo, arancione (in basso), rosso, viola; sei segni zodiacali: Sagittario (in alto), Scorpione, Leone, Cancro (in basso), Ariete, Pesci:

"Il triangolo di fuoco contiene i tre colori: rosso, giallo e blu. Il rosso corrisponde all'Ariete, il giallo oro al Leone e il blu al Sagittario... Il triangolo d'acqua corrisponde al Cancro, allo Scorpione e ai Pesci. Il verde corrisponde al Cancro, l'arancione allo Scorpione e il viola ai Pesci... Il triangolo d'acqua è quello della donna, cioè il cuore, il lato femminile e passivo dell'amore. Il triangolo del fuoco è quello dell'uomo, il principio attivo, la saggezza. Dobbiamo quindi nascere da questi due principi - amore e sapienza - se vogliamo vivere ed entrare nel regno di Dio. Questi due principi di amore e di saggezza producono la verità..."

Fonte: Mikhaël Omraam Aïvanhov, Amour, Sagesse, Vérité, Paris, Éditions Izgrev, 1946, p. 21.

Perché indossare il sigillo di Salomone (ciondolo o anello)?

Indossare un esagramma vi proteggerà ancora di più se avete stabilito un legame psichico con questo simbolo. È l'interazione che si crea con esso che diventa un aiuto prezioso, non il contrario.

È possibile visualizzare un esagramma luminoso nel cuore per rafforzare l'equilibrio, promuovere la pace e sviluppare l'amore incondizionato. Attivare l'esagramma internamente permette al simbolo di assumere la sua piena dimensione.

Come si usa il Sigillo di Salomone?

Il Sigillo di Salomone è un antico simbolo con significati esoterici, mistici e religiosi. Il suo uso varia a seconda delle tradizioni, delle credenze e delle pratiche individuali.

In alcune pratiche esoteriche, il Sigillo di Salomone è considerato un talismano o un amuleto, indossato come gioiello o inciso su oggetti personali. Si ritiene che porti protezione, fortuna ed equilibrio spirituale.

Il simbolismo del Sigillo di Salomone è onnipresente nella Massoneria, dove viene utilizzato come simbolo significativo, rappresentando la ricerca della saggezza, della conoscenza e dell'equilibrio tra forze opposte. Lo si può trovare sui gioielli o sugli emblemi massonici.

Alcune persone incorporano il Sigillo di Salomone nelle loro pratiche meditative o spirituali, collocando un dipinto nel loro spazio dedicato alle pratiche spirituali. Nella meditazione, il simbolo può essere messo a fuoco per incoraggiare la concentrazione e l'armonia interiore.

Il Sigillo di Salomone è talvolta usato in rituali magici o esoterici. Può essere disegnato su oggetti rituali o candele, oppure utilizzato nei circoli magici in relazione a invocazioni o rituali specifici. Per i vostri rituali, vi consigliamo il vassoio energizzante o il tappetino armonizzante.

Dove posso trovare un Sigillo di Salomone?

Offriamo una gamma di oggetti che presentano questo simbolo.

Oggetti che si propongono di essere utili a diversi livelli, combinando l'aspetto pratico e quello spirituale.

Come si disegna/traccia il Sigillo di Salomone?

Sono necessari un foglio di carta, un compasso e un righello.

La forma è facile da disegnare senza alcuna conoscenza matematica avanzata, se non la capacità di misurare le equidistanze (la nozione di cerchio).

Essendo costituita da due triangoli equilateri sovrapposti, questa stella rivela un esagono centrale, ognuno dei cui sei lati è il lato di uno dei sei triangoli equilateri che ne costituiscono le sei punte.

Gli angoli visibili sono 60° e 120°. Collegando le intersezioni o i punti, si possono fare anche suddivisioni di 20°, 90°, 10° o 30°.

Il sigillo di Salomone ha varie forme: può essere circondato da un cerchio, i due triangoli possono avere linee che passano, alle intersezioni, una volta sopra e una volta sotto. Un triangolo può essere disegnato interamente in nero, mentre l'altro ha il bianco tra le linee. Una Stella di Davide monocolore viene spesso distinta dal sigillo di Salomone, che è composto da due triangoli intrecciati di colori contrastanti.

In conclusione, il Sigillo di Salomone è un simbolo enigmatico con una ricca storia intrisa di misticismo e spiritualità.

Questo sigillo trascende i confini culturali e religiosi, facendo parte tanto della tradizione ebraica quanto delle pratiche esoteriche e massoniche. Sia come talismano protettivo che come rappresentazione della costruzione del tempio interno, il Sigillo di Salomone suscita curiosità e spinge alla riflessione.

La sua eredità duratura attraverso epoche e discipline diverse riafferma il suo status di simbolo senza tempo, invitando tutti a esplorare i misteri della saggezza, della conoscenza e dell'armonia spirituale che incarna.

Siamo giunti alla fine di questo articolo. Spero che vi sia piaciuto.

Non esitate a commentare, condividere e iscrivervi alla nostra newsletter per essere informati sulle future pubblicazioni e per saperne di più sui simboli!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Fonti

Wikipedia

Le pouvoir des symboles pubblicato da Éditions Trajectoires

Related posts

Share this content

Add a comment

1 comments

Francoise A. - 15/06/2022 20:39:21


super article que je classe pour y revenir merci