Merkaba: tutto quello che non vi hanno mai detto

- Categoria: Geometria sacra

Merkaba o Merkabah? Definizione e significato

Quando ho ricevuto il libro "Merkaba les fabuleux pouvoirs" di Patrick Denoyer, mi sono detto: finalmente qualcuno che spiega i diversi volti della Merkaba! Perché, credetemi, le stesse informazioni si possono trovare ovunque su Internet, la maggior parte delle quali non sono assolutamente d'accordo.

Immagino che abbiate già sentito parlare della Merkaba, ma sapreste davvero definire di cosa si tratta? Spesso leggiamo che si tratta di un corpo di luce. È uno stato? È un percorso di spiritualità? È un oggetto della geometria sacra?

E poi a volte la parola è maschile e a volte femminile.

C'è davvero molto in cui perdersi.

In questo articolo vi offro quindi un'altra visione dell'argomento.

Una Merkaba, senza l'acca, è un iniziato, uno sciamano, un Maestro (non parlo di maestri ascesi o altro, ma di veri Maestri della Tradizione della Luce, come Gesù, Buddha, Peter Deunov o Omraam Mikhaël Aïvanhov).

Una Merkabah, con la h, è il processo di costruzione di un corpo di luce, nella speranza di diventare un giorno una Merkaba.

Infine, una Merkaba senza h è un oggetto, un doppio sigillo di Salomone (o Stella di Davide), della geometria sacra.

In questo articolo tratterò tutti e tre gli aspetti, anche perché nessuno parla della Merkaba/h in questo modo.

Merkaba o veicolo di luce?

Secondo internet, la Merkaba è un campo di luce generato dalla rapida rotazione di specifiche forme geometriche che influenzano simultaneamente il corpo e la mente di un essere umano. È un veicolo che può aiutare il corpo, la mente e lo spirito ad accedere e a sperimentare altri livelli di realtà o di potenziale di vita. Permette di accedere a nuovi livelli di coscienza e aiuta gli esseri umani a raggiungere il loro pieno potenziale.

"Ma' at" è un geroglifico egiziano che traduce la Verità. Secondo la leggenda, il padre "Ma' at" è il simbolo della chiarezza mentale, che significa integrità e sincerità verso se stessi. In arabo questa parola indica una barca (cioè un veicolo). La barca di Iside per gli egizi moderni si chiama ancora Merkaba. In ebraico ha due significati: designa sia il carro che il Trono di Dio. Il carro, o mer-ka- ba, sarebbe il nostro veicolo di luce capace di condurci in altre realtà (altri spazi temporali) per arrivare un giorno al Trono di Dio, cioè alla "casa del Padre". Ci permetterebbe anche di diventare creatori della nostra realtà nel mondo fisico.

Risvegliare il proprio veicolo Merkaba significa riattivare i successivi campi elettromagnetici dormienti che abbiamo intorno al nostro corpo fisico.

Ma se ci addentriamo nell'esoterismo, in realtà, la parola merkaba è un linguaggio antico che appartiene alla tradizione segreta di Israele, la kabala.

L'origine della parola kabala si perde nella notte dei tempi. Contrariamente a quanto si crede, la parola non proviene dagli ebrei, anche se la kabala è la dottrina esoterica dell'ebraismo, trasmessa da Mosè alla cerchia ristretta dei suoi allievi

Nel linguaggio geroglifico egiziano, le tre sillabe ka, ba e la corrispondono rispettivamente al toro, all'uccello e al sole, e traducono quindi l'unione di corpo, anima e spirito. Gli Egizi consideravano il Faraone il garante di questa sacra unione di Padre e Madre, di spirito e materia, perché era l'anima della Luce, l'uccello del sole, il falco Horus che scendeva dal cielo per condurre tutta la terra al Sole, al regno del Padre. Per questo motivo chiamavano il Faraone Kabala o la Grande Casa, che era rappresentata dalla piramide come simbolo perfetto dell'unione del cielo e della terra, del visibile e dell'invisibile

Per gli Esseni, la kabala designa quindi il corpo del maestro, che è il pane della vita, l'insegnamento divino che ristabilisce l'armonia e la pace in tutti i mondi e permette agli uomini di accedere all'immortalità

Ka designa il corpo della Tradizione manifestato nel mondo dal Faraone, cioè dal Maestro.
È il garante della trasmissione del corpo e della memoria di questa tradizione primordiale e senza tempo. Per questo Gesù, come rappresentante della tradizione essena, dirà: "Nessuno può andare al Padre senza passare attraverso di me", senza passare attraverso la tradizione vivente incarnata da un uomo preparato e consacrato a questa missione.

Ba designa l'anima della Tradizione che apre la strada al volo verso i mondi superiori e all'unione con lo spirito.

La è lo spirito della Tradizione, il Padre. Nella scala musicale, è la nota che armonizza tutte le altre. Così, A rappresenta l'origine, il centro e il vertice, l'unità vivente delle molteplici voci.

Il percorso iniziatico della Merkabah: creare un corpo di Luce

Quello che dovete capire è che ciò che trovate comunemente su internet riguardo alla Merkabah vi porta in astrazioni spirituali. Il rischio è quello di perdersi e di addentrarsi in mondi in cui è fortemente sconsigliato.

Per questo motivo non sono mai riuscito a leggere i libri di Drunvalo Melchizedek, autore e ricercatore esoterico, che trattano l'argomento.

In effetti, fin dall'alba dei tempi, tutte le Tradizioni della Luce hanno parlato della Merkabah. È semplicemente che ha preso un nome diverso a seconda delle epoche.

La barca, la nave che naviga, è sia la via che la meta. La barca della luce è un simbolo condiviso da tutte le tradizioni, compresa quella dei Catari: il loro castello di Montsegur era Manisola, la barca della luce. Il Giro degli Arcangeli è la barca della tradizione della Luce per il nostro tempo, con la Nazione Essena. È l'Arca di Noè degli ultimi Atlantidei, il drakkar dei Vichinghi, la barca di Iside degli antichi Egizi...

Dovete creare la vostra barca, il vostro corpo di saggezza. Nell'antico Egitto si diceva che la barca del sole doveva essere creata dall'iniziato, vale a dire che spetta a voi creare la vostra barca, cioè il vostro veicolo futuro: il vostro corpo dell'immortalità.

Il simbolo della barca

La forma della barca si ritrova nei sessi dell'uomo e della donna. Così il bambino entra nel mondo attraverso questa porta. Il corpo si forma nel grembo materno, che è l'interno della barca di Luce dell'uomo.

Si può notare che anche l'occhio ha la forma di una barca, così come la bocca, che è la porta della Parola che crea i mondi. L'occhio porta con sé i misteri della luce che conosce. La bocca porta con sé i misteri del suono e del respiro. Il sesso porta con sé i misteri dell'essere e del suo lavoro sulla terra

È la sacra trinità del vedere, dell'udire e dell'essere.

Lo schermo dell'intelligenza oscura è stato posto sulla vista dell'uomo per impadronirsi del suo essere e del suo agire. Impadronirsi dell'azione dell'uomo significa controllare tutto il suo essere, perché ogni causa produce un effetto che aumenta la schiavitù e incatena l'uomo alle tenebre.

Dietro le tre porte dell'occhio, dell'orecchio e dell'essere che agisce, ci sono tre discipline che liberano l'uomo dalla schiavitù delle forze oscure: la saggezza per l'occhio, l'amore per l'orecchio e la verità per l'essere. La verità è il vostro atto. O questo atto porta con sé il mondo divino, oppure getta il seme della negazione di Dio e dei mondi invisibili dell'alleanza della Luce.

Omraam Mikhaël Aivanhov ha dedicato due libri a questo tema:
"La verità, frutto della saggezza e dell'amore" e
"La seconda nascita - Amore Saggezza Verità" (Ed.Prosveta).

E prima di lui, Pietro Deunov ha dato la seguente regola: "Ponete la bontà come base della vostra vita, la giustizia come misura, la saggezza come limite, l'amore come delizia e la verità come luce".

Già ai tempi di Mosè, la saggezza è stata trasmessa agli uomini per liberarli dal giogo della schiavitù delle forze oscure.

Lo stesso vale per la missione di Buddha e di Gesù, perché erano portatori di quella tradizione eterna che appartiene al Padre e alla Madre.

L'occhio deve essere liberato dalla rete ipnotica. La Luce deve entrare nel grembo materno per fecondare il terreno interiore dell'uomo. L'utero è il luogo in cui ha origine il corpo fisico, ma anche la parola. Quando un uomo parla nella verità del suo essere, lo fa con la pancia.

L'Arca di Noè e la Barca di Iside

Nell'antico Egitto si diceva che la barca del Sole, la barca di Ra, doveva essere creata dall'iniziato, cioè spetta all'uomo creare la sua barca con gli insegnamenti superiori che riceve dalla Tradizione. Deve prendere tutti gli elementi per creare la sua barca, la sua vita, il suo corpo immortale.

L'arca è il simbolo dell'alleanza della Luce e della conservazione della tradizione vivente. In essa è conservato tutto ciò che è puro ed eterno.

L'Arca è un corpo, un veicolo che ci permette di passare da un'epoca all'altra, da un mondo all'altro. Sulla barca c'è una griglia che incarna il destino dell'umanità e della terra, come un'intelligenza oscura vuole che sia scritto. I satelliti sono la manifestazione sensibile di una realtà eterica che sta già intrappolando il pianeta nelle maglie di una rete sottile destinata a diventare più fitta.

Questa barca è nascosta nel ventre dell'uomo. Lo schermo è posizionato sugli occhi, sulla vista.


È nel grembo materno che l'uomo viene al mondo, ma è attraverso l'occhio che viene fecondato. L'occhio è il lago o l'oceano della vita e la barca è il corpo, custode della saggezza cosmica. L'uomo naviga dentro di sé e porta con sé un mondo che deve portare a una nobilitazione della Luce. Se l'uomo dimentica la sua missione, viene distolto dal suo scopo e perde il suo valore. Il mondo che doveva animare sprofonda a poco a poco nel nulla, perché il percorso è chiuso e l'evoluzione si ferma.

C'è un mondo visibile intorno a voi che tocca i vostri sensi e vi risveglia, ma c'è anche un mondo invisibile che vi trasporta come il mare trasporta la nave. Questo mondo tocca anche voi, ed entra in voi nel sottile. Nutre l'anima o semplicemente il corpo

Se le sensazioni, le impressioni e le percezioni sono dirette solo al corpo fisico, servono come cibo per un'intelligenza oscura. Se invece l'informazione risale all'anima, a ciò che è immateriale, alimenta un'intelligenza di Luce.

Poi l'occhio interiore si apre e appare l'altro mondo. L'uomo comprende che vive in diversi mondi e che il suo ruolo è quello di unificarli, come una pianta che affonda le sue radici nella terra e innalza i suoi steli verso l'infinito. L'uomo stesso ha radici che si estendono nel mondo esterno e dirigono certe energie nel suo essere interiore. All'interno c'è un altro mondo, o addirittura più mondi, in cui vive più o meno consapevolmente. Se non è cosciente, non sa più chi "guida la sua barca", chi tiene il timone del suo destino.

Per il momento, il destino dell'uomo è stato alterato da un'intelligenza opaca che ha stretto un patto con alcuni uomini, con dei malvagi, arcangeli e angeli malati. Grazie a questo patto infernale, alcuni uomini divennero divinità e ottennero il controllo dell'umanità, degli animali, delle piante e della terra. Hanno portato tutto in schiavitù, perché il loro obiettivo è l'asservimento, il dominio, il controllo assoluto, solo nel lato materiale. Ciò che gli autori di questo patto temono è la luce della vita, l'intelligenza divina. Per questo il loro obiettivo è quello di robotizzare tutto, di meccanizzare tutto; così, ogni libertà di vivere in due mondi si estinguerà.

La Merkaba di Drunvalo Melchizedek

Nel libro citato in nota, O. Manitara, l'ultimo rappresentante della Tradizione Essena, risponde alla seguente domanda:

"Olivier, cosa ne pensi della pratica della merkaba proposta da Drunvalo Melchizedek?

O. Manitara risponde:

"Non sono un esperto di questo personaggio e del suo insegnamento. Posso solo dirvi che non è un visionario del mondo divino. È un uomo che ha il desiderio della Luce, ma non conosce le leggi del mondo divino.

La tecnica che ha sviluppato è sicuramente basata su cose giuste, perché è così che gli uomini lavorano sempre, ma il problema per un Figlio della Luce è che non è in sintonia con il mondo divino e non serve ai progetti di questo mondo.

Queste tecniche sono al servizio di un mondo di illusioni che cerca di catturare l'uomo. Certo, è un mondo bello e magnifico, ma non porta alla vera liberazione e alla realizzazione dell'uomo nella vera luce.

Queste tecniche mettono in moto la trappola di far credere all'uomo che può vivere in un altro mondo ed essere comunque un uomo. In realtà, l'idea è quella di far credere che il mondo divino è al servizio dell'uomo e lo protegge qualunque cosa faccia. Ma gli Esseni iniziati alla saggezza dei sacri misteri sanno che non è solo l'uomo a dover servire il divino in modo impersonale e puro, ma che è anche l'uomo a dover cercare di curare e proteggere Dio nella vita.

Questo falso mondo che la spiritualità illusoria alimenta appare dopo la morte dell'uomo e si rivela come una catene e una prigione. Tutto è in apparenza e l'uomo si trova limitato in una falsa perfezione, una bellezza, una musica che incatena le anime e impedisce loro di ascendere alle sfere veramente superiori. Questo mondo è il lato perfetto di tutto ciò che l'uomo può desiderare di vedere realizzato nella sua vita umana. Questo mondo è reale, ma è falso.

Un esseno deve sapere che il divino non è qualcosa da desiderare, perché è al di là di ogni concetto umano. L'uomo deve accettare il fatto che non conosce il mondo divino e che per comprenderlo deve sforzarsi di uscire dalla sua sfera di esistenza come uomo. Allora deve accettare il divino così com'è e non come lui, con i suoi concetti umani, vorrebbe che fosse. È un intero lavoro su se stessi, una disciplina, un know-how.

Gli uomini impreparati pensano di entrare nel regno della Luce perché percepiscono un mondo più sottile in cui si rispecchia ciò che l'uomo pensa, sente e desidera per la perfezione. Il divino non apparterrà mai a una forma fissa, perché è al di là del mondo dell'uomo e tuttavia può discendervi se si verificano determinate condizioni"

Sono consapevole che questo potrebbe scandalizzare alcuni seguaci degli scritti di Drunvalo Melchizedek, perché spesso è difficile pensare fuori dagli schemi. Quindi, ognuno dovrebbe farsi un'idea propria sull'argomento.

Merkaba Star: Merkaba e la Geometria Sacra

Le forme, soprattutto quelle geometriche, sono in grado di vibrare e risuonare con le onde dello spettro elettromagnetico. Esse riflettono ed emettono una serie di onde, per cui non sono create dalle forme stesse, ma sono indotte in esse dall'interazione delle onde del suddetto spettro elettromagnetico, fondamentalmente dalle onde cosmiche e telluriche, senza dimenticare le proprie emesse dagli esseri umani.

I ricercatori hanno concluso che le figure geometriche possono essere cariche ed emettere il flusso magnetico terrestre se sono orientate correttamente. Inoltre, si è scoperto che alcune forme geometriche o simboliche sono sensibili alle onde del pensiero o alle onde astratte, e possono essere amplificate e inviate al destinatario prescelto, agendo a distanza.

La Merkaba è composta da 2 tetraedri (piramidi a base triangolare) annidati l'uno nell'altro sullo stesso asse verticale. Per questo motivo è chiamato anche tetraedro stellare.

Vista da un'altra angolazione, la Merkaba ha 8 vertici ed è completamente inscritta in un cubo perfetto.

Se si dispone la Merkabah in piano, cioè in due dimensioni, si può notare la presenza dell'esagramma, noto anche come Sigillo di Salomone.

Questo simbolo della geometria sacra rappresenta una stella a sei punte formata da due triangoli sovrapposti.

Simbolo di protezione, l'esagramma è un simbolo di equilibrio che unisce il macrocosmo e il microcosmo, il cielo e la terra, i principi del Padre e della Madre.

Lo stesso simbolismo si ritrova nella Merkabah: "Ciò che è sotto è come ciò che è sopra, e ciò che è sopra è come ciò che è sotto". Questo detto si trova nella Tavola di smeraldo di Ermete Trismegisto.

Nel suo trattato "Hermetica", l'autore della Tavola di Smeraldo definisce la Merkabah come segue: "È un campo di luce generato dalla rapida rotazione di specifiche forme geometriche - un doppio sigillo di Salomone - che influenzano simultaneamente il corpo e la mente di un individuo

Collegamento tra la Merkaba e il Cubo di Metatron

Cristallo di rocca Merkaba: come usarlo?

Utilizzato da molto tempo, il cristallo Merkaba della geometria sacra è un concentrato di energia molto potente. Agisce sui 3 piani: fisico, psichico ed emozionale e permette di accedere a determinati piani di coscienza.

Il cristallo Merkaba è una vera e propria fonte di energia. Al momento del suo concepimento, conterrebbe le 8 cellule primordiali della vita.

È un volume piacevole le cui polarità positive e negative si combinano per equilibrare i campi dell'atmosfera in cui prevalgono i disturbi energetici.

La presenza di un cristallo Merkaba è pensata per portare calma e tranquillità. È lo strumento ideale per le sessioni di meditazione, dove verrà collocato al centro della stanza.

Si tratta di un simbolo potente la cui influenza sulla guarigione e sulla protezione non è in dubbio (in caso di problemi di salute, consultare un medico).

Esistono Merkaba di diversi materiali e minerali (offriamo anche una Merkaba di ossidiana, molto protettiva), ma la Merkaba di cristallo di rocca è speciale. Il cristallo di rocca è in sostanza il simbolo dell'energia radiante della luce bianca

Il cristallo di rocca cattura e amplifica le energie positive dell'ambiente, filtra tutte le onde negative e garantisce una purificazione senza pari dell'ambiente. Programmato, registra i vostri pensieri e desideri e li collega alla forza della realizzazione.

Questo rende il cristallo combinato con la Merkaba uno strumento molto potente.

Uso della Merkaba per la terapia

Il cristallo Merkaba è molto popolare in terapia, dove è considerato uno strumento di guarigione. Questa forma geometrica tetraedrica particolarmente equilibrata, con la sua alta frequenza vibrazionale, svolge un ruolo importante in tutto ciò che ha a che fare con le energie interiori dell'essere umano (da attivare e intensificare).

Per questo motivo è molto apprezzato da chi lavora in profondità con le energie del corpo e in particolare con la medicina vibrazionale.

Inoltre, la Merkaba agisce direttamente sul cervello, equilibrando e stimolando lo scambio tra i due emisferi cerebrali.

Quando terrete questa stella di cristallo nel palmo della mano, non solo capirete i campi geometrici intellettualmente, ma li sperimenterete personalmente.

Meditazione Merlaba: pericolo?

La meditazione Merkaba è un tipo di meditazione che consiste inesercizi di respirazione combinati con mudra e visualizzazioni basate sulla geometria sacra. Questi campi energetici geometrici intorno al nostro corpo possono essere attivati in un modo particolare, che è anche legato alla respirazione. La meditazione Merkaba incorpora un processo di respirazione con mudra che è una chiave per l'uso del Mer-ka-ba.

Mudra è un termine sanscrito che indica una posizione codificata e simbolica delle mani di una persona. In origine c'erano 9 Mudra, noti come Mudra del Buddha, destinati a scandire il processo meditativo. Oggi ne esistono diverse decine, che si dice abbiano effetti benefici sul corpo e sulla mente attraverso la stimolazione delle zone riflesse della mano e delle dita.

Ci sono 17 respiri per raggiungere il completamento, per costruire la Merkabah. I primi sei servono a bilanciare le polarità degli otto circuiti elettrici e a purificarli. I sette successivi, molto diversi tra loro, servono a ripristinare il corretto flusso pranico nel corpo e a ricreare un respiro sferico nel corpo. Il 14° respiro è unico in sé. Cambia l'equilibrio dell'energia pranica nel corpo dalla terza alla quarta dimensione. Gli ultimi 3 respiri ricreano i campi rotanti di MerKaBa dentro e intorno al corpo.

Lo scopo di questa meditazione è riattivare i campi energetici intorno al corpo e raggiungere livelli di coscienza più elevati.

Non entrerò nei dettagli di questa meditazione perché la sconsiglio vivamente.

Perché?

Semplicemente perché ci sono mondi in cui non si dovrebbe andare, né in viaggio astrale né in altro modo. Ci si può davvero perdere e impazzire.

Merkaba per la protezione e la pulizia

Potete collocare la vostra Merkaba in vari luoghi della vostra casa per purificarli.

Diversi specialisti di questo simbolo indicano che, collocato nel salotto, il Merkaba crea immediatamente un clima di calma e tranquillità, uno spazio più sereno dove le tensioni si alleviano.

Potente armonizzatore e purificatore dell'atmosfera, il Merkaba allevia anche gli squilibri legati ai disturbi elettromagnetici della vita moderna.

Potete anche posizionare il vostro cristallo Merkaba in camera da letto o sotto il cuscino per aiutarvi ad addormentarvi e creare le condizioni per un sonno ristoratore.

In generale, la stella Merkaba offre protezione e guarigione e, grazie alla sua forte capacità di permettere alle energie di fluire liberamente, aiuta ad affrontare stress, tristezza, depressione e insonnia.

In breve: i vantaggi dell'utilizzo di Merkaba

- Aumenta l'energia vitale e il livello vibratorio della persona che lo possiede.

- Aumenta il livello vibrazionale di alimenti e liquidi come l'acqua e, attraverso questo processo, modifica la struttura molecolare del prodotto accanto o sopra la Merkaba.

- Mettendolo a contatto con il tubo esterno di ingresso dell'acqua, riesce ad alzare al massimo il livello di vibrazione dell'acqua, ottenendo un'acqua purissima e priva di sostanze nocive, oltre a lasciare la pelle liscia e morbida dopo la doccia.

- Modifica il livello di vibrazione della stanza in cui si trova (fino a un minimo di 100 metri, a seconda delle dimensioni della Merkabah), rendendo l'aria più sana e pura. Trasforma l'aria in una fonte di ioni negativi.

- Innalza il livello vibrazionale del quarzo o del terreno o della terra, garantendone una migliore qualità e facendo crescere piante sane e vigorose.

- La Merkaba elimina varie geopatie (linee di Hartman, linee di curry, sindrome dell'edificio malato), ripulendo e liberando case e terreni da questi problemi.

Potete usare la vostra stella Merkaba anche in altre pratiche spirituali, come il reiki avanzato o la costruzione di griglie di cristallo

Funziona meravigliosamente in combinazione con griglie di cristallo come il Cubo di Metatron. Poiché i cristalli sono noti per amplificare l'intenzione, pulire i chakra e innalzare la vibrazione, funzionano meravigliosamente con la stella Merkaba. Anche solo indossare o tenere in mano una stella Merkaba può circondarvi di luce curativa e ricordarvi il vostro potere intuitivo.

Come pulire e purificare la vostra Merkaba

Potete passare il vostro cristallo attraverso il fumo dell'incenso e ricaricarlo al sole o su un ammasso di quarzo come un geode o un pezzo di ametista.

Ma onestamente c'è una soluzione molto più economica e pratica per purificare e ricaricare la Merkaba: basta posizionarla su un Cubo di Metatron a disco armonizzante (se avete un Fiore della Vita va bene anche quello). Se non siete sicuri del colore, vi consigliamo il modello a 7 raggi.

Sono nostre creazioni e le stampiamo a mano nel nostro laboratorio nel sud della Francia.

Come disegnare la Merkaba?

Dove acquistare una Merkaba?

Mandalashop, specialista in simboli della geometria sacra, offre Merkaba di cristallo di rocca.

Offriamo anche un kit di geometria sacra con i 5 solidi platonici, la sfera e la Merkaba.

Per concludere

Siamo giunti alla fine di questo articolo. Spero che la Merkaba, la Merkabah e la Merkaba non abbiano più segreti per voi, se non che il vero cammino resta da percorrere!

Non esitate a commentare, condividere e iscrivervi alla nostra newsletter per essere informati sui prossimi numeri.

Iscriviti alla nostra newsletter!

E se desiderate approfondire la scoperta dei simboli, benvenuti in questo spazio/negozio dedicato alla geometria sacra

Fonti :

Notre circuit énergétique revisité di Laurent Dureau
Le maillage métallique autour de la terre di Éditions Essenia
Merkaba les fabuleux pouvoirs di Éditions Exclusif

Condividi

Aggiungi un commento