Holi: il festival dei colori in India

- Categoria: Pratiche e rituali

Il festival Holi o festa dei colori in India

Holi è una festa religiosa celebrata dagli indù. È anche conosciuto come il festival dei colori. Si celebra alla fine dell'inverno, nell'ultimo giorno di luna piena del mese lunare che di solito cade alla fine di febbraio o marzo (equinozio di primavera)

Viene osservata soprattutto in India, Nepal, Pakistan e nei Paesi della diaspora indiana che seguono l'induismo, come Suriname, Malesia, Guyana, Sudafrica, Trinidad, Regno Unito, Stati Uniti, Mauritius e Figi. L'Holi più famoso si celebra nella regione di Braj, che è diventata una meta turistica durante la stagione dell'Holi (W. Crooke, 1914).

Nella maggior parte delle regioni, Holi dura circa due giorni. Ogni anno, migliaia di indù partecipano al festival. Holi ha molti scopi. Oltre al significato religioso, celebra l'inizio della primavera. Gli indù ritengono che sia un momento per godere dei colori della primavera e dire addio all'inverno.

L'Holi si festeggia lanciandosi addosso polvere colorata e acqua colorata. Alla vigilia della festa vengono accesi dei falò, noti anche come Holika Dahan (fuoco di Holika). Dopodiché, si prega e si offrono lodi. I falò vengono accesi in ricordo dell'origine della festa.

Qual è lo scopo del festival Holi?

Il festival Holi ha un significato culturale tra le varie tradizioni indù del subcontinente indiano. È un giorno di festa per concludere e liberarsi degli errori del passato, per porre fine ai conflitti incontrando gli altri, un giorno per dimenticare e perdonare. Le persone pagano o cancellano i debiti e si confrontano nuovamente con le persone della loro vita. L'Holi segna anche l'inizio della primavera, un'occasione per godersi il cambio di stagione e fare nuove amicizie.

Il significato di questa festa indiana

L'Holi è una festa di primavera indù, originaria del subcontinente indiano e celebrata in tutto il mondo. Spesso chiamata "Festa dei colori", esistono molte leggende sull'origine della celebrazione dell'Holi. Anche se alcune comunità indù preferiscono una storia piuttosto che un'altra, i messaggi di amore, bontà e rinnovamento sono gli stessi.

La storia morale: Prahlad e Holika

Una delle storie più popolari riguarda il malvagio re Hiranyakashipu e la sua demoniaca sorella Holika.

Secondo la leggenda, il re Hiranyakashipu credeva di essere onnipotente e di non poter essere sconfitto. Infatti, era così orgoglioso di se stesso che fece una legge che imponeva ai suoi sudditi di adorare solo lui e non Dio. Tuttavia, suo figlio, il giovane principe Prahlad, infranse ogni giorno questa legge con le sue preghiere al Signore Vishnu. Frustrato e arrabbiato per la sfida del figlio, il re cercò di far ferire e persino uccidere Prahlad, ma Prahlad rimase illeso.

Infine, il re si rivolse a sua sorella Holika, che aveva un potere speciale che le impediva di essere ferita o bruciata da agni (fuoco). Per aiutare il re suo fratello, Holika decise di portare Prahlad in una casa e di ridurre il ragazzo in cenere. Anche se il fuoco non avrebbe danneggiato Holika, avrebbe ferito Prahlad. Tuttavia, il Signore Vishnu ascoltò le preghiere di Prahlad per salvarlo e intervenne per evitare che Prahlad fosse ferito. Il Signore Vishnu allora invertì i poteri di Holika in modo che venisse bruciata. In questa storia, Holi ricorda agli indù il potere del bene sul male e la necessità di lavorare sulle buone abitudini eliminando quelle cattive.

La storia d'amore: Krishna e Radha

Una storia molto popolare sulle origini di Holi è attribuita al periodo in cui il Signore Krishna era solo un ragazzino. Il Signore Krishna era un bambino molto malizioso che amava fare scherzi ai suoi amici e alla sua famiglia. Krishna spesso prendeva in giro e scherzava i suoi amici, soprattutto la sua migliore amica Radha, una bellezza locale e una delle sue amiche speciali.

Un giorno chiese a sua madre perché avesse la pelle così scura, mentre Radha e gli altri suoi amici erano così biondi. Sua madre suggerì scherzosamente che se avesse gettato diversi colori sul viso di Radha, avrebbe potuto cambiare il suo volto nel colore che voleva. Affascinato da questa idea, il giovane Krishna iniziò la tradizione del lancio di colori a Holi.

Per molti indù, celebrare Holi è un modo per onorare il Signore Krishna. È comune vedere il Signore Krishna seduto su un'altalena con Radha o in un'altalena a culla da bambino. Le altalene sono spesso decorate con fiori e dipinte con gulal (polvere colorata).

In questa storia, il festival di Holi ricorda agli indù che tutti sono uguali, indipendentemente dalle nostre differenze esteriori, ed è quindi chiamato anche "Festival dell'amore".

La storia del raccolto: le colture primaverili

Nell'India settentrionale e rurale, Holi celebra l'inizio del raccolto primaverile. Per molte comunità contadine, Holi segna la fine delle difficoltà invernali, dovute alle basse temperature, al fallimento dei raccolti e all'inadeguatezza dei ripari per affrontare i freddi mesi invernali.

Poiché in India molte persone raccolgono il grano in primavera e l'Holi è caratterizzato da elementi comunitari, alcuni lo paragonano alla tradizione americana del Giorno del Ringraziamento. Per altri, invece, si allinea più strettamente alla tradizione ebraica della Pasqua ebraica per i temi del rinnovamento e del nuovo inizio.

Il significato di Holi deriva da un processo speciale in cui il grano e altri cereali vengono arrostiti insieme. Questa miscela speciale è chiamata holuk, da cui il nome Holi. Alla vigilia di Holi, è consuetudine accendere un falò e arrostire cereali e mais come offerta da mangiare e per promuovere un senso di cameratismo e comunità tra i festeggiati. Si dice anche che la parola Holi derivi dalla parola hindi "hola" che significa offrire sacrifici o preghiere come ringraziamento per un buon raccolto. In questa storia, la festa di Holi ricorda agli indù il nuovo inizio della primavera e della stagione della semina.

È importante ricordare che Holi è un momento di divertimento e di festa con amici, familiari e sconosciuti. Il cielo si colora, le case, i templi e le aziende si riempiono di strisce di colore, i bambini ricevono giocattoli nuovi e la musica e i ritmi della festa creano un ambiente rumoroso e divertente. Non ci sono formalità nell'Holi e con la musica nell'aria e la polvere colorata che fluttua tutt'intorno, nessuno può fare a meno di sorridere.

Chi festeggia Holi? Come si festeggia l'Holi nel mondo?

L'Holi è una celebrazione induista che ha origine nell'antica India. Tuttavia, oggi persone di ogni nazionalità, provenienza e religione festeggiano Holi in tutto il mondo.

In India

In India, l'Holi è associato a un rilassamento delle aspettative sociali, il che significa che tutte le persone si mescolano indipendentemente dall'età, dal sesso o dalla ricchezza. Anche le aspettative di comportamento sono rilassate, creando un'atmosfera divertente ma caotica

Un detto comune sentito durante l'Holi è "Buran a mano, Holi hai", che significa "non offenderti, è Holi".

La sera di Holika Dahan (il primo giorno della festa), viene acceso un falò pubblico per celebrare la cremazione di Holika anziché di Prahlad. Nelle settimane che precedono l'Holi, i ragazzi indù raccolgono tradizionalmente legna di scarto per il fuoco, che viene acceso tra le 22.00 e la mezzanotte e tutti si riuniscono in strada facendo molto rumore. La gente esegue rituali religiosi, chiedendo perdono al proprio dio e pregando per la fine di ogni male.

Durante il Rangwali Holi (il secondo giorno della festa), si verifica la parte colorata della celebrazione, quando le persone :
- si lanciano addosso vernice colorata;
- si lanciano addosso bombe d'acqua;
- cantano, ballano e si divertono insieme.

Holi in Nepal, AsiaHoli

si celebra anche in Nepal come giorno festivo e si festeggia nella stessa data dell'Holi indiano.

Molte delle attività si svolgono come in India, con un'enfasi sui concerti tradizionali nella maggior parte delle città.

In Guyana, Sud AmericaHoli è

arrivato in Guyana nel XIX secolo con i lavoratori forzati provenienti dall'India, ma si è trasformato in un'atmosfera caraibica-indiana unica, con la musica tradizionale indiana Chowtal combinata con influenze creole.

La maggior parte delle persone indossa vecchi abiti bianchi nella speranza che non rimangano bianchi a lungo!

In Germania, EuropaOrganizzata

ogni anno nella capitale tedesca, Berlino, è una versione moderna del tradizionale festival indù.

L'Holi Festival of Colours, a Berlino, è un festival di musica elettronica che combina DJ da tutto il mondo con la colorata pittura a polvere dell'Holi. Il festival, che riunisce persone di ogni estrazione sociale, è un'esperienza colorata per tutti!

La festa dei colori

Festa che celebra la vittoria del bene sul male, Holi è una celebrazione dell'arrivo della primavera e del prossimo raccolto. È la festa dei colori Holi, la festa dei colori delle emozioni e della felicità. E quale modo migliore di esprimersi se non con i colori vibranti dell'arcobaleno?

Il rituale centrale di Holi è il lancio e l'applicazione di acqua e polveri colorate su amici e familiari, che dà alla festa il nome comune di "Festival dei colori". Arriva Holi e il Paese si anima di affascinanti sfumature di blu, giallo, magenta, verde, viola e altro ancora. Nuvole di colore che danzano nel vento portano il messaggio di amore e felicità attraverso i muri, i vicini e i cuori.

Le polveri dai colori vivaci sono il fulcro della festa di Holi, in cui uomini, donne e bambini portano polveri e colori liquidi da lanciare e spalmare sui vestiti e sui volti di vicini e parenti. Mentre i colori secchi in polvere sono chiamati "gulal", i colori mescolati con acqua sono chiamati "rang". Tavoli con sacchi di colori fiancheggiano l'ingresso, mentre vicini e familiari aspettano che gli altri entrino nel campo. È un giorno per festeggiare e lasciarsi andare: musica ad alto volume, birre locali e chiacchiere divertenti sono tutti elementi essenziali dei festeggiamenti.

Ma soprattutto, Holi è il giorno in cui vedrete le strade e le case dell'India ricoperte di quasi tutti i colori immaginabili. Ogni colore ha un significato, religioso o meno. E c'è un colore per quasi ogni occasione, momento o celebrazione. Ogni colore simboleggia una forza della vita e quindi colore e vita sono inseparabili.

Mentre i colori più popolari sono quelli più brillanti - blu, giallo, rosso, viola, rosa e verde - alcuni colori sono tradizionalmente assenti. Questi includono il bianco e il nero.

Sebbene il bianco simboleggi un senso di purezza, è anche un colore di lutto. Le vedove in India, a differenza delle loro controparti occidentali, si rifugiano in un codice di abbigliamento riservato ai bianchi. Sebbene il nero sia considerato brutto, cattivo e indesiderabile, si fa molto affidamento su di esso per allontanare il male, come dimostra la cerimonia di mettere un punto nero sul viso di un neonato per allontanare il malocchio.

All'inizio, i colori "gulal" di Holi venivano realizzati in casa utilizzando i fiori dell'albero, altrimenti noto come "fiamma della foresta". I fiori, una volta raccolti, venivano essiccati al sole e poi macinati in una polvere finissima. La polvere, mescolata con l'acqua, ha dato vita alla più brillante tonalità di rosso zafferano. Il pigmento rosso zafferano e il talco colorato chiamato "aabir" erano il pilastro delle celebrazioni della festa di Holi, molto prima dei colori fabbricati di oggi.

Spruzzare acqua colorata, lanciare gavettoni colorati e lanciare manciate di colori in polvere ad amici, parenti e persino sconosciuti non è considerato inappropriato o offensivo ed è anzi parte della festa. Bambini e adolescenti si schierano in punti strategici, armati di secchi d'acqua colorata e piccoli gavettoni, in attesa di attaccare i passanti senza pretese.

Ogni colore significa qualcosa di speciale nella psiche indiana.

Il rosso, ad esempio, è un segno di matrimonio; in India le spose indossano più spesso il rosso durante le loro nozze perché simboleggia la fertilità, l'amore, la bellezza e, soprattutto, è il segno di una donna sposata. Nelle usanze dell'Induismo è considerata una consuetudine indossare polvere di Kumkum rossa sulla parte superiore della fronte. Considerato il più delle volte prerogativa delle donne sposate, un punto rosso viene indossato tra le sopracciglia per simboleggiare un matrimonio felice.

Il giallo è un altro colore fondamentale per la psiche indiana. Il giallo è quasi sinonimo di curcuma, un ingrediente di grande importanza per le funzioni di buon auspicio in tutte le religioni. È forse la più venerata per il suo uso medicinale fin dall'antichità. La curcuma viene utilizzata ancora oggi per il trattamento di disturbi infiammatori e digestivi.

Tra gli altri colori che stuzzicano il cielo di Holi c'è il blu, il colore del venerato dio dell'Induismo, il Signore Krishna.

Il verde simboleggia i nuovi inizi, il raccolto e la fertilità ed è anche il colore sacro della comunità musulmana in India. Lo zafferano è spesso associato all'induismo, alla pietà e alla forza.

I colori dell'India, pur essendo diversi, parlano la lingua del suo popolo, dai muri rossi e ocra delle capanne dei villaggi al bianco incontaminato del Taj Mahal. Il colore, l'arte e la cultura del subcontinente hanno superato ogni aspettativa e continuano a tenere unito il Paese in un incantato incontro di tinte. Holi è una festa celebrata con grande gioia e convinzione, in cui i cittadini del Paese dipingono il cielo e l'ambiente circostante con i colori della gioia.

Oggi, con il progredire della tecnologia, i colori primari utilizzati inizialmente sono stati integrati da tinte metalliche e da varie sfumature e miscele inimmaginabili. Ma lo spirito del festival rimane lo stesso. Attraversa tutte le classi, le caste e le religioni e unisce le persone. Insieme celebrano l'arrivo della primavera riempiendo le loro giornate e le loro vite con i colori della gioia, della prosperità, della felicità e della pace.

Dove trovare la polvere Holi?

La polvere di Gulal ha sempre avuto un ruolo importante nella cultura indù ed è sempre stata utilizzata per scopi religiosi.

Oltre al festival Holi, l'uso di polveri colorate compare in altre cerimonie, come i funerali. In questo caso, in alcune popolazioni, si svolge un rito speciale quando il defunto è un uomo sposato. La vedova si adorna con tutti gli ornamenti che possiede e si congeda dal marito adornandolo con tutti i suoi gioielli. Con in mano un piccolo piatto di ottone con polveri colorate, lascia che gli uomini che partecipano alla cerimonia dipingano il volto del defunto. Questo rituale è associato al rito del matrimonio, in cui lo sposo e la sposa si ungono con polveri colorate per quattro giorni prima delle nozze. Questo unguento, infatti, ha lo scopo di preparare i loro corpi alla vita matrimoniale. Al di là della sfera religiosa, il consumo di polvere di Gulal è diffuso per diversi scopi.

Il consumo di polvere di Gulal associato alla festa di Holi è stato tolto dal contesto induista e desacralizzato. La desacralizzazione è una distorsione del significato originale degli elementi culturali alla base della cerimonia Holi, che spesso ha subito un trattamento irrispettoso. In effetti, nella società occidentale contemporanea, la festa di Holi è diventata un fenomeno di consumo, senza più aspetti religiosi. Il lancio della polvere di Gulal è diventato qualcosa di cool e alla moda.

Dopo l'avvento dei coloranti sintetici a metà del XIX secolo, la scomparsa degli alberi nelle aree urbane e la ricerca di maggiori profitti hanno portato all'abbandono dei colori naturali.

Ecco quindi alcune raccomandazioni:

- Non acquistate i colori economici disponibili sul mercato, perché di solito si tratta di coloranti industriali.
- Evitare i colori brillanti o scintillanti perché contengono mica e polvere di vetro.
- Cercate di preparare voi stessi i colori naturali a base vegetale, poiché quelli disponibili sul mercato non sono certificati.
- Se si prepara una tinta a base di erbe, assicurarsi che sia correttamente essiccata.
- Evitare di gettare il colore in polvere nell'aria, poiché le dimensioni delle particelle di gulal sono respirabili, cioè inferiori a 10μm.
- Utilizzare colori liquidi naturali per giocare in sicurezza.




Come si prepara la polvere Holi? Create i vostri colori naturali

Per ottenere i colori secchi in polvere, mescolare la quantità appropriata di colorante alimentare con farina di riso e acqua per ottenere una pasta colorata, quindi lasciare asciugare la pasta; infine, utilizzare un macinino per macinare e ottenere il colore in polvere. Aggiungere alla miscela di oli essenziali e strofinare delicatamente il composto. La combinazione di ingredienti fornisce una polvere morbida ed elastica con una buona capacità di adesione alla pelle.

Per preparare l'acqua colorata, mettere a bagno 100 grammi di fiori di Tesu in un secchio d'acqua per una notte. Al mattino vedrete che l'acqua è di un colore zafferano naturale. Per preparare l'acqua colorata si possono usare anche le foglie di henné al posto dei fiori di Tesu.

Per concludere :

Il motivo principale per cui la festa dei colori è oggi così conosciuta al di fuori del continente asiatico è la nascita di molti remake di Holi a scopo commerciale. A partire dai primi anni 2000, europei, americani e australiani hanno iniziato a seguire la tendenza a partecipare a feste che prevedevano il lancio di polveri colorate in un'atmosfera rilassata e pacifica.

Tuttavia, nonostante l'aspetto festoso che viene ampiamente mantenuto, teniamo presente l'origine sacra della festa e l'uso di colori che portano un messaggio di amore e felicità.

Sebbene il concetto di cromoterapia sia nato nel XX secolo, il suo principio risale a molto prima. Già la Cina antica ne faceva uso, per non parlare dell'India antica, che associava i colori tradizionali ai chakra (centri energetici del corpo umano).

Ogni colore ha proprietà e virtù terapeutiche che hanno una grande influenza sulla nostra salute. Proprio come i pigmenti che le persone si lanciano l'un l'altro: verde per l'armonia, arancione per l'ottimismo, blu per la vitalità e rosso per la gioia e l'amore.

Il principio della cromoterapia è quello di portare il corpo, utilizzando l'energia dei colori, a reagire in modo da stimolare le sue capacità di autoguarigione, per curare un disturbo fisico o psicologico.

L'uso dei colori, in particolare grazie al festival Holi, ci ricorda tutti i benefici della cromoterapia, un principio che abbiamo associato alla geometria sacra per aiutarvi e accompagnarvi nella vostra vita quotidiana.

Venite a scoprire tutti i nostri articoli sul negozio Mandalashop.

Questo è il termine dell'articolo. Spero che vi sia piaciuto, sentitevi liberi di commentare, condividere e iscrivervi alla nostra newsletter per essere informati sulle prossime uscite.

Iscriviti alla nostra newsletter!

E se desiderate approfondire la scoperta dei simboli, benvenuti in questo spazio/negozio dedicato alla geometria sacra. Troverete una moltitudine di mandala, fiori della vita, cubi di Metatron, ecc.

Fonti:

https://www.sensationalcolor.com/holi-festival-colors/https://www.smithsonianmag.com/travel/holi-festival-colors-meaning-180958119/

Condividi

Aggiungi un commento