Casa

Search on blog

Decifrare la magia: una guida essenziale

- Categories : Pratiche e rituali

Per troppo tempo la magia è stata confusa con il fascino dei ciarlatani. Molte persone, inoltre, definirebbero facilmente la magia come: l'arte di produrre effetti senza cause.

E da questa definizione potremmo concludere che la magia è un'assurdità.

Ad alcuni la parola magia fa venire in mente solo giochi di prestigio e altre acrobazie di prestidigitatori.

Per altri, la parola magia è associata a Merlino l'incantatore, a Mary Poppins o alle streghe e ai maghi delle fiabe e delle leggende.

Ma capiamo davvero cos'è la magia? Non è forse una domanda essenziale? In questo articolo cercheremo quindi di demistificare la parola "magia" e di riconoscere il tipo di magia con cui ci confrontiamo nella nostra vita quotidiana.

La magia non può essere ciò che coloro che non la conoscono ne fanno. È ciò che è, è in sé, come la matematica, perché è la scienza esatta e assoluta della natura e delle sue leggi.

La magia è la scienza degli antichi maghi.

Definizione della parola magia: potere soprannaturale?

La parola francese "magie" deriva dal latino magia, a sua volta derivato dal greco μαγεία (mageia), "religione dei maghi persiani", "stregoneria".

Vi lascio cercare il termine sul dizionario. Da parte mia ho trovato una definizione un po' più interessante nel libro "Histoire de la magie du monde supernaturel et de la fatalité" di P. Christian (1811-1872).

Nel preambolo del suo libro ci dice che:

"La Magia, o meglio il Magismo, se ci si degna di risalire alle sue antiche fonti, non può più essere confusa con le superstizioni che ne calunniano la memoria. È la prima dottrina religiosa, morale e politica dell'umanità.

Il suo nome comune deriva dal greco MAroi (Magus) e MArEIA (Ma gie), alterazione dei termini Mog, Megh, Magh, che in Pehlvi e Zend, lingue dell'Antico Oriente, significano sacerdote, saggio, eccellente, da cui deriva la parola caldea Maghdim, equivalente ad alta saggezza o filosofia sacra (1). La semplice etimologia rivela quindi che la Magia era l'insieme delle conoscenze un tempo possedute dai Magi o filosofi dell'India, della Persia, della Caldea e dell'Egitto, che erano i sacerdoti della natura, i padri di ogni scienza e i creatori di gigantesche civiltà le cui rovine portano ancora il peso di sessanta secoli.

Vista sotto questa luce, la magia è la prefazione della storia universale.

Come tutto ciò che ha a che fare con le origini delle società, ha un lato meraviglioso, il cui studio ha affascinato le menti più nobili di Atene e Roma, prima di essere sfigurato e sbiadito dalla corruzione dell'epoca cesariana. I suoi Misteri, davanti ai quali si inchinarono Platone, Plutarco, Cicerone, Virgilio e Tacito, e i cui ultimi ierofanti portarono tre omaggi simbolici alla culla di Gesù, non possono esserci indifferenti. Il loro lato dottrinale è un riflesso di Dio stesso sul pensiero umano. Il loro lato meraviglioso abbraccia l'infinito, contemplato dall'alto dell'anima, all'alba del genio delle nazioni. È un'intuizione degli splendori ultramondani verso i quali siamo costantemente attratti, come un magnete divino, nonostante i nostri fallimenti e le nostre cadute, dalla consapevolezza immortale di un futuro eterno"

Un po' più vicino a noi, Mikhaël Aïvanhov, il Maestro bulgaro, spiega nel suo libro"Il libro della magia divina": Essere un mago significa creare. Il vero mago è circondato da un cerchio di luce, la sua aura, questo alone invisibile di luce che emana da lui e che ha formato attraverso il suo lavoro spirituale e la pratica delle virtù. Per creare, il mago usa gli stessi mezzi di Dio: proietta un'immagine o pronuncia una parola che passa attraverso la sua aura, ed è l'aura che fornisce il materiale per la manifestazione" Esistono "tre grandi leggi della magia: 1) la legge della registrazione, 2) la legge dell'affinità, 3) la legge dello contraccolpo".

Storia della magia

È giusto dire che la magia è sempre esistita? Certamente. Tracce di magia si trovano già nella preistoria. In particolare nelle caverne, gli esseri umani usavano rituali e incantesimi per influenzare le forze della natura e garantirsi la sopravvivenza.

Già nell'antico Egitto, i sacerdoti usavano formule magiche e amuleti per proteggere i morti nell'aldilà. In Grecia e a Roma, le pratiche magiche erano anche associate a culti religiosi e riti di passaggio.

Si ritrova anche tra gli sciamani, o guaritori spirituali, che usavano e usano tuttora tecniche per curare le malattie, interpretare i sogni e comunicare con gli spiriti. Queste pratiche olistiche erano considerate essenziali perché mantenevano l'armonia tra gli esseri umani, le divinità e le forze naturali.

Si ritrovano anche nell'occultismo e nell'alchimia. A quei tempi si cercava di scoprire i segreti per trasmutare i metalli e raggiungere l'immortalità.

Vi erano poi movimenti esoterici come la Cabala, l'Ermetismo e l'Astrologia. I filosofi e i praticanti dell'epoca esploravano i concetti di magia naturale e le connessioni tra il microcosmo e il macrocosmo.

Oggi la magia continua a esistere in molte forme, dando significato al mondo che ci circonda.

La magia esiste davvero?

La magia non è altro che la scienza della vita, la scienza delle influenze e delle reazioni a catena, dove ogni azione è radicata in un insieme di cause ed effetti. Il termine "magia" racchiude in sé l'idea che l'anima sia all'opera, immergendoci nelle vibranti dinamiche dell'esistenza. Da questa prospettiva, diventa chiaro che ogni essere dotato di anima interagisce con il proprio ambiente, guidato da forze invisibili che dettano le nostre azioni nel mondo tangibile.

Prendiamo ad esempio la litoterapia, che insegna che ogni pietra ha proprietà intrinseche che possono influenzare l'uomo e il suo ambiente. Anche se queste virtù non sono visibili a occhio nudo, possiamo percepirne l'impatto. La tormalina, ad esempio, è nota per assorbire le energie negative, un potere che sembrerebbe sfidare la logica se la pietra non fosse dotata di una qualche forma di vita. Allo stesso modo, le piante hanno proprietà purificatrici e curative, trasformano le atmosfere e rasserenano i corpi.

Anche gli animali sono animati da forze interiori, possiedono un'anima che li collega all'essenza divina. Osservate queste creature che guariscono, si sacrificano per amore e si fanno carico delle sofferenze dei loro padroni. E che dire della magia e dell'incanto che abitano le foreste vergini, piene di rocce dalle forme misteriose, alberi antichi e una sinfonia vivente di canti di uccelli e giochi di scoiattoli? Anche la terra stessa ha poteri curativi, offrendo il suo fango e la sua argilla per alleviare vari disturbi.

La magia della vita si rivela attraverso una complessa rete di interazioni tra gli esseri viventi e il loro ambiente, dove ogni elemento, sia esso minerale, vegetale o animale, contribuisce all'armonia e all'equilibrio dell'universo.

Che cos'è la magia verde?

Se a volte sentite parlare di magia verde, sappiate che si tratta di una forma di magia strettamente legata alla natura, alla terra e ai suoi cicli. È legata alla connessione con il mondo naturale. È una forma di magia che utilizza oggetti, piante ed energie naturali per creare incantesimi e altri incantesimi.

I praticanti di questo tipo di magia lavorano spesso con le energie della terra e delle piante per creare incantesimi, pozioni, amuleti e rituali che promuovono la salute fisica ed emotiva, la prosperità, la purificazione e la crescita spirituale. Possono anche dedicarsi ad attività come la meditazione all'aperto, la raccolta di erbe selvatiche, il giardinaggio magico e la creazione di rimedi a base di erbe.

È spesso presente in antiche tradizioni come la stregoneria, la Wicca, il druidismo e altre pratiche pagane.

Che cos'è la magia rossa?

La magia rossa è un ramo della magia che si concentra principalmente sulle relazioni, sulla passione e sulla seduzione. A differenza della magia nera, che può essere usata per scopi malevoli, la magia rossa è generalmente associata, in superficie, a obiettivi positivi e consensuali nel campo dell'amore e delle relazioni intime.

Coloro che praticano la magia rossa usano generalmente rituali, incantesimi o incantesimi per attrarre l'amore, rafforzare i legami emotivi tra i partner esistenti, riaccendere la passione in una relazione o incoraggiare la seduzione. Nei rituali di magia rossa si trovano alcuni ingredienti simbolici come candele, erbe, pietre preziose e oli essenziali.

Che cos'è la magia grigia?

Questa forma di magia, spesso non riconosciuta o semiconsapevole, è praticata da persone di tutto il mondo, sia involontariamente che inconsapevolmente. Ogni nostro gesto, sguardo e parola, così come le atmosfere che creiamo o in cui viviamo, hanno un impatto su noi stessi e sul nostro ambiente. A volte, semplicemente con uno sguardo, possiamo ferire o sedurre qualcuno, o anche portare guarigione a una persona attraverso le nostre parole. Accuse ingiuste o malevole possono far sprofondare qualcuno in una profonda depressione, intrappolandolo in pensieri ossessivi e portandolo persino al suicidio. Chi non ha mai sentito quell'elettricità nell'aria o quelle atmosfere pesanti e opprimenti?

Sì, tutto questo è magia, tutto questo è l'anima al lavoro, non è né bianca, cioè al servizio del mondo divino, né nera, cioè fatta consapevolmente per il suo potere personale nel mondo della materia.

Questa categoria di magia grigia comprende anche pratiche come filtri e incantesimi d'amore, rituali per attrarre ricchezza o successo o per prendere il posto di qualcuno sul lavoro, anche se sono al limite della magia nera. Queste pratiche, anche se spesso volte a servire i nostri interessi personali, possono portare alla schiavitù e all'incatenamento di spiriti e persino di persone per il nostro egoistico benessere.

Che cos'è la magia nera?

La magia nera è spesso simboleggiata dal pentagramma rovesciato, dal capro, da Satana e dai demoni. È una forma di magia in cui l'uomo dirige tutti i suoi sensi verso il vuoto, verso la materialità. Il praticante di magia nera, come i seguaci del satanismo, non esita a soggiogare tutte le creature, visibili o invisibili, per ottenere potere sulla materia e su coloro che credono in lui. Lo stregone nero fa appello alle forze oscure per asservire tutte le creature.

Il mago nero compie tutti i suoi atti in piena consapevolezza e le sue intenzioni sono malevole o distruttive. A differenza della magia bianca, che viene utilizzata per scopi benefici e altruistici, la magia nera è motivata dal desiderio di causare danni, controllare o infliggere sofferenza agli altri.

Le pratiche di magia nera possono includere rituali, incantesimi, invocazioni o manipolazioni di energie con lo scopo di danneggiare una persona, lanciare maledizioni, causare malattie, attirare forze oscure o soddisfare desideri egoistici a spese di altri.

In questa pratica non c'è spazio per l'inconsapevolezza. Il mago nero agisce con piena consapevolezza. Come il mondo divino, le forze oscure possiedono un'intelligenza superiore a quella dell'uomo. È fondamentale capire che se queste forze servono un individuo nella sua vita terrena, in cambio chiederanno la sua anima e la sua vita dopo la morte.

È importante notare che la magia nera è spesso percepita come pericolosa (e a ragione) non solo per le sue potenziali vittime, ma anche per coloro che la praticano. Le conseguenze karmiche o spirituali della manipolazione di tali energie possono essere gravi.

La famosa massima"la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni" rivela una profonda verità sulla natura umana. A volte, nonostante le nostre migliori intenzioni e le nostre azioni benintenzionate, possiamo involontariamente causare conseguenze dannose o danni imprevisti. Questa massima mette in guardia dall'ingenuità e dalla cecità di fronte alle apparenze ingannevoli. Sotto le maschere seducenti o le intenzioni lodevoli, possono nascondersi forze maligne e intenzioni sinistre. Ci ricorda l'importanza della prudenza e del discernimento e ci mette in guardia dalla fiducia cieca nelle belle apparenze.

Che cos'è la magia bianca?

Mikhaël Aïvanhov lo spiega nel suo libro"Il libro della magia divina":

"C'è magia e magia. La vera magia, la magia divina, consiste nel saper usare tutto, assolutamente tutto, per il Regno di Dio. Al contrario, qualsiasi pratica che metta le più alte conquiste dello spirito umano al servizio di una natura inferiore è stregoneria. Purtroppo, pochissimi maghi raggiungono quel livello superiore in cui non hanno nemmeno più interesse per la magia stessa, in cui non si impegnano più a compiere operazioni magiche, in cui cessano di desiderare di comandare gli spiriti, gli elementali, i geni, per soddisfare le loro ambizioni personali.

"Lagrandezza di un uomo, il suo vero potere, è di non usare mai i poteri che possiede per il proprio beneficio"

La magia bianca è simboleggiata dal pentagramma rivolto verso l'alto, che rappresenta un uomo radicato sulla terra ma con la mente rivolta agli angeli e alle realtà superiori. Questo individuo consapevole agisce, per scopi altruistici, per liberare tutti gli esseri, visibili e invisibili, dalla sofferenza, dalla malattia, dalla morte e dall'oppressione. Figure come Gesù e Buddha illustrano questa magia bianca, in cui Gesù scaccia i demoni e porta la vita, mentre Buddha comunica con tutta la natura.

Oggi la maggior parte delle persone crede che una pietra non abbia un'anima e serva solo per costruire case, che un albero sia morto e serva solo per fabbricare mobili e legna da ardere, che gli animali siano una specie al nostro servizio, che una gallina possa deporre 3 uova al giorno e non solo una se le si fa credere che il sole non tramonta più, che una mucca debba produrre 3 litri di latte facendosi riempire di medicinali.

L'autentica conoscenza della magia, in particolare della magia bianca, sembra essere andata perduta. Se ne fa pochissimo uso. Una semplice ricerca su Google rivela una distorsione dei suoi principi, con promesse di trovare l'amore, attrarre denaro o smettere di fumare attraverso pratiche semplicistiche. Eppure i grandi esoteristi del passato, come Eliphas Lévi, Stanislas de Guaita e altri, offrono una prospettiva più profonda sulla magia bianca, radicata nel divino, e offrono consigli su come smascherare le illusioni e le bugie che si nascondono dietro l'apparenza del bene.

Le leggi della magia

La magia consiste nel creare il proprio destino e nel prendere il controllo della propria vita. La magia consiste nel mettere in azione le forze naturali dell'universo, quelle visibili e invisibili che ci circondano e che sono dentro di noi, e nel renderle attive dirigendole verso un determinato obiettivo. Il mago è un essere che conosce le leggi e le applica per muoversi in una determinata direzione. La pratica della magia richiede quindi la conoscenza di queste leggi.

Nel suo libro"Il libro della magia divina", Omraam Mikhaël Aïvanhov espone tre leggi principali della magia:

1. La legge della registrazione: questa legge afferma che tutto ciò che facciamo, pensiamo o sentiamo viene registrato nell'universo e ha ripercussioni su di noi. Le nostre azioni, parole e pensieri creano energie che vengono registrate nel cosmo, influenzando la nostra realtà futura. Questo implica che non possiamo permetterci di fare qualsiasi cosa, di avere qualsiasi pensiero, qualsiasi sentimento, qualsiasi desiderio, perché ci saranno delle conseguenze.

2. La legge dell'affinità: secondo questa legge, le energie simili si attraggono. Le nostre vibrazioni emotive e mentali attraggono esperienze, persone e circostanze che risuonano con queste vibrazioni. In questo modo, i nostri stati interiori determinano ciò che attiriamo nella nostra vita. Questa legge dell'affinità è una delle più grandi leggi della magia ed è la legge che dovrebbe governare tutta la vostra vita.

3. La legge del contraccolpo: Questa legge implica che ogni azione che compiamo ci ritorna indietro in un modo o nell'altro. Se le nostre azioni sono positive e benevole, attiriamo in cambio energie simili. D'altra parte, se le nostre azioni sono dannose o malevole, attiriamo conseguenze negative per noi stessi. Questa è una legge di giustizia cosmica che garantisce equilibrio e responsabilità nelle nostre azioni.

Qual è la magia più potente?

Pongo questa domanda perché so che molti la pongono. Ma riflette, a mio avviso, un'evidente mancanza di conoscenza sull'argomento.

Concludo quindi questo articolo con il primo passo del libro sulla Magia Divina, che risale al 1996 ma è attuale come non mai.

"L'iniziazione è un lavoro su se stessi, un processo ininterrotto di organizzazione interiore, purificazione e padronanza di sé. Ciò che sta accadendo attualmente, questo crescente interesse per l'occultismo e la magia, è piuttosto preoccupante. Non esprime infatti il bisogno di una vera spiritualità, ma il desiderio di immergersi in un dominio sconosciuto, misterioso e proibito. Inoltre, ne vediamo i risultati: questi libri non rendono le persone più sagge, equilibrate o pure; al contrario, scatenano in loro forze oscure, confondendo le loro idee e rendendole vittime di entità inferiori che cercano solo di danneggiare gli esseri umani.

Per secoli, la Chiesa ha combattuto a torto contro la tradizione iniziatica. Ma ciò che sta accadendo ora è che le scienze occulte vengono portate alla portata di persone deboli, viziose e malintenzionate, il che non è nemmeno auspicabile. Se gli iniziati del passato avevano dato il precetto di "tacere", era perché sapevano che i segreti della Scienza iniziatica potevano diventare armi molto pericolose nelle mani di persone non preparate a riceverli. Perché la natura umana è tale che, qualsiasi cosa le si riveli, le verità più sublimi, le più divine, cercherà di usarle per servire i suoi interessi più personali ed egoistici. È cosìche tutto ciò che viene dato agli esseri umani per il loro bene, per la loro salvezza, viene in realtà mal utilizzato e usato da loro per la propria e altrui rovina".

Per tutti coloro che desiderano penetrare i misteri che governano la magia, è essenziale comprendere che la magia non è altro che un'estensione dell'essere stesso. È paragonabile a un'estensione della mano in un altro mondo, una manifestazione diretta della nostra essenza.

Per sua stessa natura, la magia è neutrale e agirà secondo le vostre richieste. Non è per gli ignari, gli sconsiderati o per chi non sa cosa vuole, perché richiede responsabilità e consapevolezza.

La magia è speciale perché è viva e attiva in tutti i mondi e ovunque, e possiede il potere di trasformare una scrittura, una situazione o un destino.

La magia è il culmine del mago, colui che conosce e agisce secondo le sue leggi.

La vita è magia e dobbiamo essere consapevoli del nostro potere. Ogni pensiero, ogni gesto, ogni azione genera karma: è la legge del contraccolpo ed è ciò che plasma il nostro futuro, nel bene e nel male. Diventiamo i creatori del nostro futuro e diventiamo grandi maghi, consapevoli e concentrati sul Bene.

Se questo articolo vi è piaciuto, non esitate a commentarlo, a condividerlo e a iscrivervi alla nostra newsletter per essere informati sulle prossime edizioni.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Fonti

Le livre de la magie divine, Éditions Prosveta
Storia della magia - Eliphas Lévy
Storia della magia, del mondo soprannaturale e della fatalità - P. Christian

Share this content

Add a comment