7 affascinanti applicazioni del rapporto aureo

- Categoria: Geometria sacra

Cosa ha reso un numero così eccitante da persistere nell'immaginario collettivo per oltre duemila anni? Così universale da comparire negli scritti di un antico matematico greco, nei disegni di un architetto del XX secolo e nella trama di un thriller diventato un best seller?

Così presente da essere visibile nel più grande monumento architettonico del mondo antico, nei dipinti del più eminente pittore rinascimentale e nella struttura atomica dei minerali quasi cristallini.

Che cos'è il rapporto aureo o proporzione divina?

Phi, Numero d'Oro, Proporzione Aurea, Proporzione Divina, sono espressioni sinonime che designano un rapporto aritmetico. Questo numero non è né una misura né una dimensione, ma un rapporto tra due quantità omogenee.

Sì, il Numero d'Oro è il valore di un rapporto determinato da una proporzione.

Come si calcola il rapporto aureo?

Il Numero d'Oro deriva da un rapporto che ha solo due lettere a e b, tali che
:a / b = (a + b) / aQuesto
è il principio di economia.

Con questo rapporto si ottiene un'equazione di secondo grado.
Infatti, ponendo a / b = Phi, si ottiene: φ² = φ + 1
Equazione che ha una radice positiva:

Calcul du nombre d'or

Un rettangolo aureo è un rettangolo in cui il rapporto tra lunghezza e larghezza è uguale al numero Phi.

Qual è il valore del Numero d'Oro?

Phi ( Φ = 1,618033988749895... ), è semplicemente un numero irrazionale come pi greco ( p = 3,141592653589... ), ma con molte proprietà matematiche insolite. A differenza del pi greco, che è un numero trascendentale, phi è la soluzione di un'equazione quadratica.

Il rapporto, o proporzione, determinato da Phi (1,618 ...) era noto ai greci come "divisione di una linea nel rapporto estremo e medio" e agli artisti del Rinascimento come "Divina Proporzione", rapporto e numero d'oro.

Perché il rapporto aureo è chiamato proporzione divina?

Quando le parti di un insieme hanno un rapporto armonioso tra loro e con il tutto, possiamo parlare di bellezza, di armonia. La natura ha inventato tali proporzioni nella sua creazione e l'uomo, per intuizione, le ha riconosciute.

Questa bellezza, questa armonia è generata dal rapporto tra la lunghezza e la larghezza di un rettangolo o tra l'altezza e la profondità di una navata... si dà il caso che questo rapporto, così spesso presente, sia il numero d'oro chiamato Proporzione Divina o Sezione Aurea.

È grazie a questo numero che gli artisti del V secolo a.C. scatenavano l'emozione degli spettatori: questa stessa emozione, questa stessa straordinaria impressione di purezza, per l'occhio e per lo spirito, si prova di fronte a un'abbazia, a una cattedrale, a una semplice chiesa di paese costruita nel Medioevo.

Da dove deriva il rapporto aureo?

Il rapporto aureo nell'antichità

Costruire è sempre stata la grande ambizione dell'uomo e la scoperta del numero d'oro risale probabilmente all'antichità.

Il numero d'oro si trova più di 20 volte nella stella a 5 punte, e la divisione per 5 potrebbe essere stata suggerita dalla grande varietà di fiori a 5 petali, dai cinque rami di una stella marina, dalla struttura pentagonale del riccio di mare e dai suoi 5 denti... Notiamo anche che l'uomo ha 5 dita per ogni arto e 5 sensi che sono tutti rappresentazioni pentagonali.

Il numero 5 dà origine a una relazione con Phi.

Sebbene i monumenti precedenti alla civiltà ellenica, in particolare quelli dell'antico Egitto (la piramide di Cheope ha 47 secoli), rivelino l'uso empirico del Numero Aureo, i testi scritti che trattano delle sue proprietà, o meglio delle figure geometriche ad esso associate, compaiono solo con i Greci.

Euclide, Pitagora e molti altri hanno dato rigore matematico alla nozione di Numero d'Oro.

Tre secoli prima della nostra era, Euclide, con i suoi "Elementi", ha dato un importante contributo in questo campo sotto forma di dimostrazione geometrica: la costruzione di un triangolo isoscele con ciascuno degli angoli alla base raddoppiato dell'angolo rimanente (cioè in questo famoso triangolo isoscele ciascuno degli angoli alla base vale 72 gradi e l'angolo al vertice è pari a 36 gradi)

Si noti inoltre che 72 gradi sono il quinto di 360 gradi e 36 gradi il decimo di 360 gradi: angoli che si trovano nel pentagono regolare.

Euclide dedusse da questo triangolo la costruzione del pentagono regolare, notando che le diagonali di questo pentagono si intersecano al centro e all'estrema destra e che il rapporto tra diagonale e lato è uguale a Phi.

Conclude i suoi "Elementi" con l'iscrizione in una sfera dei cinque corpi regolari platonici: tetraedro, ottaedro, esaedro (cubo), icosaedro e dodecaedro.

Meditando sulla Sezione Aurea, Vitruvio concludeva:"Come le membra del corpo si corrispondono tra loro, così devono corrispondere le parti dell'edificio".

Il rapporto aureo nel Medioevo

Nei secoli XI e XII, un'epoca in cui la fede era scritta nella pietra, in Francia furono costruite 80 cattedrali, 500 grandi chiese in monasteri e città importanti e decine di migliaia di chiese parrocchiali. È l'epoca dell'arte romanica: forme geometriche, vibrazioni sonore e luminose si uniscono per riprodurre il modello dell'universo che celebra la grandezza del creatore.

Alla fine del periodo romanico, la ricerca del cielo e della luce divenne sempre più importante; le cattedrali, dapprima tozze, svilupparono volte sempre più alte, dando vita all'arte gotica.

L'arte gotica nasce in Francia a metà del XII secolo (la prima volta gotica fu costruita nel 1944 nella cattedrale di Saint-Denis). Le caratteristiche principali di quest'arte gotica sono l'uso di volte a crociera, l'arco a sesto acuto al posto dell'arco semicircolare e l'arco a contrafforte per sostenere la volta principale

La cattedrale è un libro di pietra che esalta la fede, l'armonia e la bellezza.

Il rapporto aureo nel Rinascimento

Nel XV secolo, sappiamo che gli "Elementi" di Euclide furono ripresi da Luca Pacioli, un frate francescano e professore di sacra teologia che, attraverso Euclide e Pitagora, sapeva perfettamente come dividere un segmento di una retta in media ed estrema ragione.

Il suo libro tratta l'architettura, le proporzioni del corpo umano e le lettere dell'alfabeto

Fu all'epoca di Pacioli, cioè nel Rinascimento, che i grandi artisti, come il suo amico Leonardo da Vinci, adottarono la Divina Proporzione come canone di Bellezza, di Armonia. Affronteremo questo argomento poco più avanti.

Il rapporto aureo nel XX secolo

Questa Divina Proporzione è stata designata, nel XX secolo, con la lettera Phi in riferimento a Fidia, il più grande e famoso degli artisti che nel V secolo a.C. fu pittore, orafo e architetto. Costruì il Partenone ad Atene basandosi sull'armonia e sulla bellezza del rettangolo d'oro.

Nel 1931, Matila Ghyka scrisse un libro molto importante sul Numero d'Oro. Paul Valéry, Le Corbusier, Cartier Bresson e molti altri hanno sottolineato il ruolo fondamentale di questo numero nell'arte. Le Corbusier, in particolare, costruì il suo famoso "Modulor" che dichiarò essere "uno strumento di lavoro, uno strumento preciso" o "una tastiera, un pianoforte, un pianoforte accordato"

Ancora oggi, la piramide del Louvre o il Geode di Parigi ne testimoniano la presenza e altri campi sorprendenti come il calcio o la chirurgia estetica trovano nel Numero d'Oro il miglior equilibrio delle forme del viso o del corpo.

Dove possiamo trovare il rapporto aureo? 7 applicazioni

1- Il rapporto aureo e la bellezza, nel corpo umano

Fin dall'antichità è stato osservato che governa l'equilibrio architettonico del corpo umano. L'ombelico divide il corpo secondo il Numero Aureo, deve corrispondere al rapporto tra l'altezza totale del corpo e l'altezza dell'ombelico dal suolo.

Ad esempio, quando la Venere di Milo è vista di profilo, dal livello delle piante dei piedi, il rapporto tra l'altezza della statua e la distanza tra le piante dei piedi e l'ombelico è uguale a Phi.

È ancora Phi che deve regolare il rapporto armonioso tra l'altezza e la larghezza della testa umana. Quest'ultimo esempio ci porta al canone di proporzione vitruviano, disegnato da Leonardo da Vinci, risalente al XV secolo e ancora oggi presente, anche nella pubblicità.

L'uomo vitruviano e il rapporto aureo

Un disegno realizzato intorno al 1490, Proporzioni del Corpo Umano Secondo Vitruvio, è tra le opere più famose di Leonardo.

Come suggerisce il nome, si basa sulle proporzioni umane ideali immaginate dall'architetto e ingegnere militare romano Vitruvio. Nel libro III del suo trattato De architectura, Vitruvio afferma che la figura umana è la principale fonte di proporzioni in architettura, con un corpo ideale alto otto teste:

"Il centro del corpo si trova naturalmente all'ombelico. Se un uomo, infatti, si sdraia sulla schiena con le mani e i piedi distesi, se uno dei rami di un compasso è appoggiato sull'ombelico, l'altro, descrivendo una linea circolare, toccherà le dita dei piedi e delle mani.

E come si può immaginare un cerchio con il corpo così esteso, così si può trovare un quadrato in esso: infatti, se prendiamo la misura che si trova tra le estremità dei piedi e la sommità del capo, e la rapportiamo a quelle delle braccia aperte, vedremo che la larghezza risponde all'altezza come in un quadrato fatto con un quadrato"

Vitruvio misurava l'intero corpo umano in frazioni intere dell'altezza di un uomo.

L'uomo vitruviano presenta anche alcune dimensioni che suggeriscono una relazione con il Numero d'Oro. Tra la sommità della fronte e la pianta dei piedi, i seguenti organi sono collocati nei punti del Numero d'Oro
: - l'ombelico (più spesso associato a un Numero d'Oro dell'altezza totale);
- i capezzoli;
- le clavicole.

Per quanto riguarda la distanza tra il gomito e la punta delle dita, la base della mano inizia nel punto della sezione aurea.

2- Il rapporto aureo e la sequenza di Fibonacci in natura

Nel 1202 d.C., Leonardo Fibonacci scrisse nel suo libro "Liber Abaci" una semplice sequenza numerica che è alla base di un'incredibile relazione matematica che sta alla base del phi. Questa sequenza era conosciuta già nel VI secolo d.C. dai matematici indiani, ma fu Fibonacci a introdurla in Occidente dopo i suoi viaggi nel mondo mediterraneo e in Nord Africa. È conosciuto anche come Leonardo Bonacci, in quanto il suo nome deriva in italiano da parole che significano "figlio di (i) Bonacci".

A partire da 0 e 1, ogni nuovo numero della sequenza è semplicemente la somma dei due precedenti.

0, 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144, 233, 377 . . .

Questa sequenza è riportata nel margine destro di una pagina del Liber Abaci, dove una copia del libro è conservata dalla Biblioteca Nazionale di Firenze.

La relazione tra la sequenza di Fibonacci e il rapporto aureo è la seguente: il rapporto di ogni coppia di numeri successivi nella sequenza si avvicina a Phi (1,618. . .), perché 5 diviso 3 fa 1,666. . . e 8 diviso 5 fa 1,60. Tuttavia, questa relazione fu scoperta solo intorno al 1600, quando Johannes Kepler e altri iniziarono a parlarne.

I rapporti tra i numeri successivi della sequenza di Fibonacci convergono rapidamente verso Phi. Dopo il 40° numero della sequenza, il rapporto è preciso con 15 cifre decimali.

In natura esiste un numero molto elevato di fiori con 5 petali distribuiti uniformemente.

Nel cuore del girasole si intrecciano due reti di spirali che si snodano in una sola direzione.

Queste spirali, dette "parastichi", hanno una particolarità: i loro numeri sono uguali a due termini consecutivi della sequenza di Fibonacci pari a 21 e 34, 34 e 55 o 55 e 89.

3 - Il rapporto aureo in architettura: a cosa serve?

Il rapporto aureo e le piramidi

Per migliaia di anni, gli architetti di edifici sacri, come i circoli megalitici, le piramidi d'Egitto e i templi greci, hanno cercato di dare alle loro opere dimensioni particolari.

Le piramidi sono numeri interi, che possono essere combinati geometricamente e il cui valore numerico è importante, persino simbolico. I templi, dedicati a Dio o agli dei, venivano costruiti per stabilire un ponte tra l'uomo e le sue divinità.

La geometria delle cattedrali gotiche e dei templi greci non è la stessa, ma l'intenzione era la stessa. Alcune regole di armonia, come quelle presenti nelle cattedrali gotiche, rispondevano a dimensioni ispirate alle fonti bibliche.

La proporzionalità è stata utilizzata con lo scopo specifico di avvicinare Dio all'uomo. Le cattedrali, come quella di Milano, di Chartres o di St. Paul a Londra, sono state costruite secondo dati geometrici e dimensioni con numeri significativi.

Gli antichi edifici megalitici, come Stonehenge, mostrano come la geometria del cielo e le unità di misura sacre siano state applicate alla costruzione di alcuni dei templi più imponenti dell'uomo.

La piramide di Cheope, nota come "Grande Piramide", costruita circa 4.700 anni fa, è il poliedro d'oro, all'interno del quale si trovano molti triangoli contenenti Phi, tra cui il rapporto tra l'altezza della faccia triangolare e la metà del lato della base quadrata che è uguale alla radice di Phi.

Nei numeri romanici e gotici, Phi è onnipresente.

Le Corbusier e il rapporto aureo

Sia chiaro, non sono affatto un fan delle opere di Charles-Edouard Jeanneret, noto come Le Corbusier, nato in Svizzera nel 1887. Ma ha lasciato il segno nel suo tempo.

Negli anni Cinquanta, Le Corbusier sviluppò un sistema di proporzioni basato sul rapporto aureo e sul corpo umano, il Modulor.

Questo sistema, che cercava di unire il sistema metrico e quello anglosassone, era inteso come uno standard universale di misurazione per ingegneri, architetti e disegnatori da utilizzare per creare forme belle e pratiche. Ha rappresentato questa "gamma armoniosa di misure" con la forma astratta di un uomo di 1,83 m, con il braccio alzato piegato in linea con la sommità del capo, opportunamente posizionato in corrispondenza del rapporto aureo tra l'ombelico e la sommità del braccio alzato.

Il professore australiano di architettura Michael J. Ostwald lo descrive così:

"Per Le Corbusier, l'industria aveva bisogno di un sistema di misurazione proporzionale che potesse conciliare le esigenze del corpo umano con la bellezza intrinseca della sezione aurea. Se si riuscisse a ideare un sistema del genere, in grado di rendere contemporaneamente la sezione aurea proporzionale all'altezza di un uomo, sarebbe la base ideale per una standardizzazione universale.

Nel tentativo di utilizzare le proporzioni matematiche del corpo umano per migliorare l'aspetto e il ruolo dell'architettura, Le Corbusier seguì le orme di Vitruvio, Leonardo da Vinci, Pacioli e dei maestri del Rinascimento che utilizzarono lo studio della matematica e della natura per conferire ai loro capolavori una qualità divina.

Dopo aver formulato il suo nuovo sistema a metà degli anni Quaranta, Le Corbusier lo applicò a diversi edifici, tra cui:

- La sede delle Nazioni Unite a New York (completata nel 1952);
- Diversi complessi edilizi modernisti in Europa, a partire dalla Cité Radieuse di Marsiglia (completata nel 1953);
- Il convento di Sainte-Marie-de-la-Tourette vicino a Lione (completato nel 1961)

Oggi il modulo è entrato a far parte del processo di progettazione di quasi tutti gli architetti, le misure sono diventate automatiche come una regola universale che utilizziamo senza nemmeno rendercene conto, naturalmente su scala ridotta. Queste misure sono diventate essenziali per lo sviluppo di uno spazio di qualità.

4- Il rapporto aureo nell'arte

"Senza matematica non c'è arte" Luca Pacioli

"Dove la mente non lavora con la mano, non c'è arte" Leonardo da Vinci.

Un artista francese del XIII secolo ha raffigurato il dio della genesi, il grande architetto, con un compasso, l'universo come in altre miniature di questo periodo, notiamo che l'artista ha involontariamente introdotto nella sua icona, rapporti o angoli legati al Numero Aureo.

Si possono fare molti altri esempi per dimostrare la presenza del Numero d'Oro in tutti i campi. Questa presenza può essere naturale, inconscia o abilmente calcolata.

Esistono altre proporzioni armoniose in natura e nella produzione umana, ma la Proporzione Divina è certamente quella che più di tutte, e fin dalla più remota antichità, ha ispirato l'uomo a ricercare la bellezza in armonia con se stesso e con la natura.

Tutto è armonia e bellezza con il Rapporto Aureo.

Probabilmente una delle migliori illustrazioni dell'uso del rapporto aureo è l'Ultima Cena di Leonardo da Vinci, dipinta tra il 1494 e il 1498. Diversi piani ed elementi architettonici mostrano relazioni molto precise del rapporto aureo.

Ad esempio, se osserviamo lo spazio tra il piano del tavolo e il soffitto, vediamo che la sommità della testa di Gesù si trova nel suo punto centrale; la sommità delle finestre si trova nel rapporto aureo. La larghezza degli stemmi è il numero d'oro della larghezza degli archi circolari; le bande dello stemma centrale sono poste nei punti del numero d'oro e della sua larghezza

Secondo alcuni, anche le posizioni dei discepoli intorno alla tavola rispettano le proporzioni auree rispetto a Gesù.

Gli esempi sono numerosi.

Si potrebbero citare anche i dipinti di Michelangelo nella Cappella Sistina in Vaticano. In effetti, l'analisi della Cappella Sistina ha rivelato più di due dozzine di casi di dimensioni del rapporto aureo in elementi importanti della composizione (con molti rettangoli aurei).

L'esempio più eclatante è probabilmente il punto in cui il dito di Adamo viene toccato da quello di Dio nell'emblematica Creazione di Adamo, un punto posto al rapporto aureo delle sue dimensioni orizzontali e verticali.

Michelangelo riprese questo tema delle figure che toccano il punto del rapporto aureo in altri dipinti della Cappella Sistina.

5- Il rapporto aureo nel design di loghi e prodotti

Vediamo ora un aspetto molto più contemporaneo del rapporto aureo.

Oltre che nella pittura, nell'architettura e nella grafica, il rapporto aureo è presente anche nel design di molti oggetti. Ad esempio, molti strumenti a corda presentano proporzioni da rapporto aureo, come i famosi violini Stradivari. Rinomati per la qualità del legno, della costruzione e del suono, questi violini molto ricercati vengono venduti all'asta per milioni di dollari.

In altri casi, il rapporto aureo aggiunge stile e fascino estetico. Le aziende investono milioni nel design del loro marchio e del loro logo, che devono catturare in un attimo il cuore e la mente del maggior numero possibile di potenziali clienti.

Ecco alcuni esempi.

Google ha attirato l'attenzione del mondo del design nel 2015 quando ha annunciato un'importante modifica al suo logo, ai caratteri e a vari altri simboli e icone del marchio, ma ha abilmente mantenuto e migliorato l'uso del phi per determinare la dimensione e la spaziatura delle lettere. Ad esempio, se si osserva attentamente, è evidente che il rapporto tra l'altezza della G e della L maiuscole e l'altezza delle altre lettere minuscole (ad eccezione della piccola coda della G) è uguale a phi.

Anche il rapporto tra la larghezza della G maiuscola e quella della G minuscola è un rapporto aureo, così come la posizione della casella di ricerca rispetto alla parte superiore del logo e alla parte inferiore del pulsante "cerca" sulla home page di Google, che, ricordiamo, è il sito web più visitato al mondo.

Google non è certo il primo a utilizzare il rapporto aureo per il proprio marchio. Misurate i tre ovali che compongono il logo Toyota e vedrete che la larghezza dell'ovale piccolo e stretto al centro è delimitata da due sezioni d'oro della stessa larghezza dell'ovale più grande. Il bordo interno dell'ovale centrale superiore è posizionato nella parte dorata dell'altezza totale del logo.

6- Il rapporto aureo e l'analisi del mercato azionario

Vediamo ora un'applicazione più che incredibile, poiché riguarda l'analisi dei mercati azionari.

I movimenti dei prezzi delle azioni riflettono in larga misura le opinioni, le valutazioni e le aspettative umane. Uno studio dello psicologo matematico Vladimir Lefebvre ha dimostrato che gli esseri umani presentano valutazioni positive e negative delle opinioni che hanno in un rapporto che si avvicina a phi, con il 61,8% di valutazioni positive e il 38,2% di valutazioni negative.

Il phi (1,618), il rapporto aureo e i numeri della serie di Fibonacci (0, 1, 1, 2, 3, 5, 8, ...) sono stati utilizzati con successo per analizzare e prevedere i movimenti del mercato azionario, noti come "ritracciamenti".

Forbes ASAP ha pubblicato un articolo sul lavoro dello scienziato Stephen Wolfram sugli automi cellulari (regole sottostanti che determinano un fenomeno apparentemente casuale) affermando che "Questa conchiglia potrebbe contenere il segreto del comportamento del mercato azionario, dei computer pensanti e del futuro della scienza".

Una società di ricerca ha dimostrato che i mercati sono perfettamente strutturati, spiegando che gli esseri umani, come parte della natura, creano relazioni geometriche perfette nel loro comportamento, proprio come un ragno tesse una tela geometricamente perfetta senza rendersi conto della sua incredibile impresa.

Questa società di ricerca applica le spirali logaritmiche presenti nelle conchiglie con relazioni 3D dinamiche per collegare un movimento di mercato ad altri.

Il rapporto aureo, o phi, appare abbastanza frequentemente nella tempistica dei massimi, dei minimi e dei punti di resistenza dei prezzi, tanto che l'aggiunta di questo strumento all'analisi tecnica del mercato può aiutare a identificare i ritracciamenti di Fibonacci, i principali punti di svolta nei movimenti dei prezzi.

7- Il rapporto aureo e i simboli

I simboli della geometria sacra non fanno eccezione a questa Proporzione Divina, proporzione aurea o Numero d'Oro, che è la chiave dell'armonia nel mondo che ci circonda.

Possiamo notare che civiltà, religioni o movimenti politici hanno preso in prestito i loro simboli dal patrimonio collettivo dell'umanità, per poi scomparire nelle sabbie del tempo. Ma i simboli rimangono e non appartengono a nessuno. Sono sempre presenti.

Un simbolo armonioso, equilibrato e rispettoso della Proporzione Divina, che è stato scelto per lungo tempo da un gruppo di esseri umani e con il quale stabiliamo una relazione consapevole, soddisfa le condizioni per essere un simbolo di successo.

Il mondo dei simboli è il mondo della vita. La vita lavora con i simboli e si manifesta attraverso di essi, ogni oggetto è un simbolo che contiene la vita. Per penetrare la vita, bisogna lavorare con i simboli e, viceversa, per scoprire i simboli e capire tutto ciò che contengono, bisogna vivere la vita reale. I simboli sono semi che si possono piantare.

Il mandala, il Fiore della Vita, ecc. ci mostrano ciò a cui dobbiamo tendere, un perfetto equilibrio di tutti i mondi. I nostri simboli sono strumenti potenti per il risveglio e la guarigione. Guardateli con gli occhi del vostro bambino, con meraviglia, senza porre alcun concetto, pregiudizio sulla virtù, sull'energia che portano con sé. Otterrete così risultati meravigliosi.

Perché siamo così attratti dai simboli della geometria sacra come il Fiore della Vita o i Mandala vibrazionali?

Semplicemente perché i simboli ci collegano al vivente, ci riconnettono con la nostra anima, con l'essere che siamo realmente (e quindi non l'essere che ci hanno fatto credere di essere). Tutti i simboli vibrazionali parlano alla nostra anima in modo inconsapevole.

Ci attraggono così tanto perché sono un invito a camminare verso noi stessi, a camminare verso la bellezza e lo splendore, a diventare finalmente una cosa sola con loro.

I simboli hanno un potere magico: è un potere trasformativo.

Sono un aiuto alla concentrazione e ci incoraggiano a diventare più fedeli a ciò che siamo dentro. Non sono solo strumenti di risveglio, ma anche di evoluzione spirituale, se sappiamo come usarli.

Ascoltate il vostro cuore e scegliete quello o quelli che vi parlano di più.

E questa è un'opportunità meravigliosa per voi, perché offriamo la più vasta selezione di simboli vibrazionali sul mercato. Quindi ascoltate i vostri sentimenti.

Per concludere

Spero che questo viaggio alla scoperta del rapporto aureo vi sia piaciuto.

Questo numero divino e aureo è eccezionale per le sue proprietà matematiche e per le sue frequenti apparizioni nella geometria, nella natura, nell'arte o nell'architettura.

E la cosa sorprendente è che viene utilizzato ancora oggi. Perché?

Potreste essere sorpresi di scoprire che il rapporto aureo è stato davanti ai vostri occhi per tutto il tempo, spingendovi dolcemente ad acquistare un prodotto o a utilizzare un servizio.

Secondo Darrin Crescebzi, ex direttore del design dell'innovazione di Interbrand New York, considerato dalla rivista Fast Company una delle "persone più creative del mondo degli affari":

"I più inclini alla visione - pittori, architetti, designer, osservatori e documentatori tradizionalmente entusiasti sia della natura che della condizione umana, che possiamo ringraziare per gran parte di ciò che conosciamo del mondo - hanno incorporato per secoli questa relazione nel loro lavoro per il suo equilibrio intrinsecamente attraente tra simmetria e asimmetria.

Questo è il termine dell'articolo. Spero che vi sia piaciuto, non esitate a commentare, condividere e iscrivervi alla nostra newsletter per essere informati sulle prossime uscite.

Iscriviti alla nostra newsletter!

E se desiderate approfondire la scoperta dei simboli, benvenuti in questo spazio/negozio dedicato alla geometria sacra.

Fonti:

Geometria del numero d'oro di Chalagam Publishing

Geometria sacra di Vega Publishing

www.goldennumber.net


Articolo originale il 20/06/2021; aggiornato il 15/07/2022

Articoli in relazione

Condividi

Aggiungi un commento